TORINO: TEMPO DI VINTAGE

Torino in primavera è bellissima.

Non fa mai troppo caldo o troppo freddo e si cammina volentieri, tra il profumo di caffè e l’aria che arriva dalle montagne. E l’atmosfera torinese ti conquista: conservatrice e con una passione per il passato ereditata dai Savoia, Torino ti conquista anche con i suoi mercatini di antiquariato. Dal vecchio Balon del sabato mattina in Borgo Dora al più selettivo Gran Balon che la seconda domenica del mese ospita circa 250 espositori e coinvolge rigattieri e antiquari di porta Palazzo.

Da una decina di anni invece il Libro Ritrovato, la prima domenica del mese (agosto escluso), lungo i portici di piazza Carlo Felice, di fronte alla Stazione di Porta Nuova, seduce con raccolte di libri antichi, stampe d’epoca, manoscritti rari e almanacchi. Un centinaio gli espositori, molti provenienti da Roma, Milano, Verona e Genova, di cui una decina specializzati in fumetti.

Il Libro Ritrovato di Torino è frequentato anche da librai di fama e artisti, si anima sin dalle prime ore del mattino. Molto ambiti sono le prime edizioni, gli album fotografici di gusto esotico, i vecchi ritratti e le fotografie Alinari di fine Ottocento.

E’ bellissima anche la Rassegna d’Antiquariato

che, ogni prima domenica del mese si svolge in Piazza di Vittorio, uno dei salotti subalpini. Anche qui sono i portici a delineare un percorso tra mobili rustici delle vallate cuneesi, credenze luguri, oggetti di modernariato e ricercati pezzi francesi.

La Torino aristocratica si dà appuntamento, la terza domenica, i piazza Gran Madre di Dio, per la rassegna Vintage alla Gran Madre, uno dei mercatini retrò chic più esclusivi. Tra scorci di belle case borghesi e angoli di collina, una sessantina di espositori vendono pezzi d’arte d’altro tempo.

Vintage a parte, qui si trovano spesso accessori originali:

stole e borsette ricamate, arredi da giardino, argenti peruviani, bijoux da oltre oceano, telefoni e radio e cappelli originali.

Passeggiare per i portici tra cimeli e pezzi di storia in una città dal cielo azzurro e scortata da alte montagne vale un weekend di shopping vintage, anche se poi non si compra nulla.

Share

4 pensieri riguardo “TORINO: TEMPO DI VINTAGE

    1. Non so perchè ma ho sempre pensato a Torino come una città poco ospitale, fredda (e non solo per la temperatura) e poco interessante. In realtà mi sono ricreduta ed ho scoperto una città davvero bella e particolare, ricca di scorci e unicità. Una versa sorpresa!

Rispondi