FLORIDA: MIAMI, TRA PALME E COCCOLE AL THE PALMS

Design, atmosfera tropicale, efficienza e comodità  sono gli ingredienti che caratterizzano The Palms Hotel a Miami Beach. Proprio sul mare a pochi blocchi a nord della celebre South Beach, l’albergo è aperto dal 2001 dopo un restauro costato 7 milioni di dollari. Attualmente gode della rendita dei lustri del passato restauro, ritoccando qua e là qualche piano a periodi alterni. Resta comunque una bella struttura dall’aspetto curato e pulito.

Il The Palms è riuscito a far convivere l’imponenza della struttura costituita da circa 250 stanze, con l’intimità e il garbo di un “boutique hotel”. Tanti ospiti ma lo spazio è ben distribuito: tra elementi di design orientale e atmosfere tropicali nulla ti fa ricordare la grandezza dell’hotel.

Passate le imponenti doppie porte dell’ingresso, si entra in una hall lunga una ventina di metri dove arredi sobri (a Miami, non sono scontati) sono circondati da palme rigogliose, i cui rami si muovono lenti sotto l’incessante movimento di giganteschi ventilatori di bambù.

L’atmosfera tropicale si respira anche nel dehor, caratterizzato da un ampio patio, arredato con grandi poltrone di rattan, che si affaccia su un vasto giardino di fiori tropicali e bouganville in cui gorgheggiano uccelli e pappagallini multicolore.

Immancabile la piscina, non grandissima ma perfettamente inserita nel giardino mentre a pochi passi si può sentire il rumore del mare che si muove sulla bianca spiaggia privata dell’hotel, dove sdraio e ombrelloni sono a disposizione degli ospiti. C’è anche una buona spa se mare e movida non bastano e serve un aiutino per trovare il relax ideale da vacanza. Buoni i trattamenti e buona la struttura, unita alla gentilezza del personale e alla buona pulizia.

Come gli esterni sono all’insegna del relax, nelle stanze, sia sui muri, sia sulla biancheria, dominano i colori tenui che richiamano i toni della sabbia. Tra i comfort delle camere, televisione a grande schermo, accesso ad internet. E per chi preferisce alla tv la vista della città non ha che da affacciarsi: le finestre a tutta parete offrono una vista spettacolare sulla baia e su Miami.

Comodamente collocato agli estremi bordi della movida di South Beach, il The Palms è anche molto utilizzato per i matrimoni e gli eventi, oganizzabili sulla spiaggia o nel giardino vicino alla piscina. Ho personalmente assistito ad un paio di cerimonie e vi assicuro che nulla è lasciato al caso.

Come Miami impone, l’orario dell’happy hour è decisamente festoso anche qui: musica, cocktail colorati e gente molto fashion che arriva anche dalla spiaggia per godersi il tramonto a suon di musica elettronica, stuzzichini e alcol (o anche analcolici alla frutta) a bordo piscina.

Qualche consiglio: attenzione al costo del parcheggio, fondamentale a Miami, ma soprattutto al costo della colazione. Se siete dei mangioni investirete bene i dollari spesi in un grande buffet ottimamente rifornito. Viceversa, se siete italiani irriducibili del caffè e brioches vi consiglio di fare due passi all’esterno dove troverete luoghi decisamente più economici. L’entrata principale è infatti sulla Collins Avenue, strada ricca di negozi di tutti i generi, dai souvenirs alle leccornie di “Rosetta” famosa bakery italiana. Alla mattina gli italiani in vacanza si ritrovano tutti lì, richiamati dall’odore della focaccia genovese e dalle brioches gonfiate di marmellata o crema con un cappuccino italian style. E c’ero sempre anche io!

 

 

Share

Rispondi