PIEMONTE: CAPODANNO NELLE LANGHE CON VINOTERAPIA

Chiudiamo il vecchio anno tra buoni propositi, cure e coccole per mente e corpo: in una vasca di vino dove ritrovarsi o perdersi con la vinoterapia. Le proprietà dell’uva sono di provata efficacia, soprattutto i polifenoli contenuti nelle bucce, guerrieri instancabili contro i radicali liberi. Un bagno di vino rigenera e purifica la pelle e rilassa in modo unico. Ma oltre alle bucce anche i semini hanno grandi proprietà antiossidanti: si dice che siano più efficaci della vitamina E. Proteggono l’elastina, il collagene e impediscono l’impoverimento dell’acido ialuronico, producendo un ringiovanimento immediato.

Un massaggio al Sauvignon e un gommage al Cabernet, un bagno-idromassaggio alla vite rossa: sono solo alcuni dei trattamenti di bellezza secondo il metodo francese Caudalie di vinoterapia. Approda quindi anche in Italia, ma dove se non nelle Langhe, terra madre di grandi vini dove lunghi filari di viti ricamano sinuose colline? Molti sono gli hotel con spa provvisti di vasche e trattamenti di vinoterapia e uniscono alla cura del corpo il buon cibo e il riposo dello spirito, tra verdi colline e pampini rossi.

Uno dei più famosi è il Relais San Maurizio, un antico convento finemente ristrutturato. Oltre che agli ampi spazi ed eleganti camere l’hotel ha una grande cantina di vinificazione denominata “Hammam di Vino”. Tra biosaune al Barolo e letti di semi di vinaccioli si può provare l’incanto di un bagno di vino in un grande tino.

Un Capodanno diverso, all’insegna del buon vino, da gustare in bocca e sul corpo. Una buona idea di coppia per fuggire qualche giorno dai fumi dello smog a quelli del Barbera, abbinati al romanticismo di una spa di coppia. E si riparte con un nuovo anno più ricco di vitamine e ricordi.

E i costi? Un po’ alti… ma, beviamoci su!

 

Share

Rispondi