Ristoranti in quota: ti mangio con gli occhi!

A che piano mangiamo?

Dove andiamo a cena? Quando si viaggia è la domanda quotidiana per chi è alla ricerca di sapori diversi e forti, emozionanti esperienze culinarie o semplicemente per chi ha fame. Tra le tante varianti possibili per la scelta del locale dove trascorrere parte della serata c’è anche la vista. E’ molto bello cenare gustando con la bocca dei buoni piatti e con gli occhi dei meravigliosi panorami. Ecco perchè ci si spinge sempre oltre e quando l’occhio finisce di scrutare l’orizzonte in modo orizzontale si pensa subito di cambiare dimensione: andare verso l’alto. E’ possibile allargare l’orizzonte visivo, aumentare la suggestione di un panorama già di per sè incredibile salendo di piano:  si può mangiare in un ristorante in quota prendendo semplicemente un ascensore.

Aperitivo a Los Angeles

Di ristoranti in quota ne sono moltissimi, uno per ogni grande città, ognuno famoso per un particolare, sono segnalati su guide turistiche e consigliati per una serate chic, a volte per i prezzi proibitivi. Uno di questi è a Los Angeles, all’Hotel Mondiran di Philippe Stark. Qui il famoso Sky Bar si affaccia sull’intera città, frequentato dal bel mondo di Hollywood. E’ facilissimo spendere fino a 500 dollari per una cena in alto.

Cena in movimento

A prova di mal di mare il ristorante in quota a Las Vegas: il Top of the World, in cima alla Stratosphere Tower. La sala  ruota lentamente per far ammirare le luci di Sin City. Con una cena da circa 120 dollari a testa e 75 minuti di tempo, si riesce a compiere il giro completo della torre e avere una visione a 360 gradi della città. Oltre alla rotazione, a disturbare gli stomaci dei sensibili, ci sono i jumper che si divertono a lanciarsi nel vuoto proprio mentre ti godi la cena.

Brunch nella grande mela

Nella più seria New York le altezze da cena sono al Mandarin Oriental Hotel. Il ristorante Asiate si affaccia su Central Park da un’altezza di 35 piani e serve una cucina fusion tra giapponese e francese. Il prezzo è di circa 150 dollari a testa, ma il panorama distrae dalla strisciata della carta di credito, facendo digerire cena e prezzo.

Cena sulla baia

A Hong Kong invece il ristorante in quota Aqua non ha solo una vista sullo skyline della città, ma permette di avere piccole sale private come la Tatami Room. E’ situato sulla Avenue of Stars, in posizione strategica ed ha una vista incredibile sulla baia e sulla sky line dell’isola di Hong Kong. Tanta meraviglia per circa 120 euro a testa.

Nel cielo di Bangkok

Incredibile vista di Bangkok dalla terrazza dell’Hotel Lebua, al ristorante Sirocco. La cena non è un granchè, rovinata da un conto salatissimo (circa 200 euro a testa). Ciò che ti rasserena è la vista spettacolare.

Un dolce tra gli emiri

Passiamo a Dubai, al Burj Khalifa, il grattacielo che domina Dubai. Qui c’è l‘At.Mosphere, il ristorante più alto del mondo. Dubai è lì sotto, tutta intera mentre pranzate o cenate. Nel ristorante il lusso impera in tanta altezza, i piatti sono all’altezza e anche il prezzo non può che essere alto.

Ti prego dimmi “oui”!

Nella romantica Parigi il ristorante in quota che si affaccia sul cielo si chiama appunto Le Ciel de Paris, in cima alla MontParnasse Tower. Un clima da coppie, romantico ed ordinato, un panorama luccicante e poetico: immerso nei cuoricini ti dimentichi del conto, circa 150 euro a testa, mentre assaggi la tipica cucina francese annaffiata di champagne. E chi vi resiste più?

Dinner in London

Il ristorante in quota di Londra è il Vertigo 42 in cima alla Towew 42 e nel centro della città. In un angolo di cielo londinese, con un angolo di tavolo (sono piccolissimi!) al 42esimo piano si gustano piatti raffinati e leggeri. Attenzione all’orario della cena: i londinesi mangiano presto e le cucine chiudono di conseguenza: è follia presentarsi a cena dopo le 21.30. Qui si può andare anche solo per un bicchiere di champagne e per una vista mozzafiato della città di notte. Si pagano entrambi caro.

Finalmente a casa!

In Italia dobbiamo andare a Torino per cenare in alto: si chiama Piano 35 e si trova all’ultimo piano del grattacielo di Intesa San Paolo. Si mangia bene, il panorama è ottimo e qui si mantiene una media di prezzo internazionale, circa 100 euro a testa.

La cena con vista è sempre nei miei progetti durante i viaggi e spesso riesco ad appagare le mie manie. Questo comporta sempre un esborso economico non indifferente, ma è l’unica serata lussuosa che mi concedo durate la vacanza. Più si sale e più si alzano i prezzi, le pretese di mance e di abbigliamento consono. In fondo, mangiamo sempre con i piedi per terra, ci si può concedere ogni tanto una follia nel cielo!

 

 

 

Share

Comments

comments

Rispondi