SVIZZERA: ZWEISIMMEN, INVERNO DI MEZZO

Zweisimmen ai ruoli di intermediaria è ormai abituata. Intermediaria tra montagna e lago, tra i corsi di due fiumi, tra due valli segnate da storia e geografia assai diverse. Assediata dalle grandi regine dello sci, l’aristocratica Gstaad e Lenk, Zweisimmen si è sempre saputa barcamenare fra tante celebrità.

Così, in una regione nata per le vacanze invernali, Zweisimmen è diventata il perno dello Snow Paradise, compresonrio di 120 chilometri di piste e una trentina di impianti, uno dei quattro settori dell Ski Gstaad, il carosello bianco che si allarga fino al ghiacciaio di Les Diablerets. Ed è una straordinaria palestra per gli amanti dello sci, dello snowbord, del fondo e dello sci alpinismo. Zweisimmen batte Gstaad sul fronte dei prezzi, con pacchetti davvero convenienti.

Fedele all’immagine di antico villaggio svizzero dell’alto Simmental che si è lentamente convertito in località di villeggiatura, Zweisimmen non ha stravolto i suoi ritmi né il suo impianto urbano. La Montreux Strasse e la Bahnhofstrasse, le strade dalle belle palazzine in muratura e ardesia, riportano a gli anni in cui era un transito tra il lago Lemano e quello di Interlaken. Più a monte, gli chalet grandi e piccoli, raccolti attorno alla piccola chiesa bianca, le restituscono la dimensione pastorale di un villaggio reso prospero dall’economia del latte e dell’allevamento del bestiame.

Parola d’ordine: sci. Sci di ogni ordine, grado e difficoltà da novembre ad aprile. A pochi metri dalla stazione ferroviaria di Zweisimmen partono i vagoni rossi della cabinovia che in due tronconi conduce sulla cima del Rindeberg, dove si concentrano i tracciati più impegnativi. Da lì una fitta rete di impianti costellata di rifugi esperti nel ristoro dello sciatore permettono giornate di sci intense e gustose.

Gli hotel sono numerosi e diversi. Nella parte alta del paese c’è il Sonneg, un ex convitto di bambini. Ancora più appartato il Berghotel Sparenmoos, confortevole rifugio tra boschi e alpeggi addormentati, alla partenza delle piste per il fondo e le ciaspole. Molti altri hotel, da bed&breakfast a relais di lusso, sono dispersi per la valle, ognuno con caratteristiche e opportunità uniche.

Una scelta di mezzo, per una terra di mezzo, la Svizzera, che merita qualche attenzione in più, soprattutto d’inverno.

Share

Comments

comments

Rispondi