Come pianificare un matrimonio all’estero – un viaggio nel viaggio

Un matrimonio lontano

sulla spiaggia, nel deserto, su una montagna

Se stai leggendo questo articolo, significa che l’idea di sposarti lontano ti solletica. Sposarsi all’estero non è difficile né impossibile: devi essere solo fortemente motivato a rompere ogni schema e qualche tradizione. Per il resto puoi organizzare tutto da solo: internet accorcia le distanze e aiuta la burocrazia. Pianificare un matrimonio all’estero è molto diverso dal pianificare una vacanza: hai grandi aspettative e le usanze del posto possono essere diverse da quelle a cui sei abituato. Ti serve un po’ di elasticità ma anche molta attenzione alle proposte che ti verranno fatte dai vari professionisti del posto. Ti lascio qualche suggerimento che ti aiuterà a preparare il tuo grande giorno in altri paralleli.

Seleziona il paese

Pianifica con le stagioni


La scelta del paese in cui sposarti sarà la parte più divertente. Ovviamente dovrai appurare la validità del tuo matrimonio e le regole burocratiche perché sia registrato anche in Italia. In molti paesi, infatti, come ad esempio le Maldive, vengono celebrati matrimoni molto scenografici, ma non validi legalmente. La scelta del luogo e data deve essere compatibile con la stagione del luogo: meglio evitare matrimoni a rischio monsoni o in periodi non consigliati. Pianificare un matrimonio all’estero significa anche seguire regole e tradizioni locali. Informati bene prima di prenotare.

Immagine da Piqsels

Wedding planner locale o resort

Fatti aiutare da un professionista

Una volta decisa la località del tuo matrimonio, dovrai pensare alla location per la cerimonia. Sarà molto più semplice se chiederai aiuto a un wedding planner locale, esperto della zona e pratico di burocrazia. Spenderai qualcosa in più, ma troverai più strade spianate e facilitazioni. Puoi anche decidere si celebrare il tuo matrimonio all’interno di un resort e quindi l’organizzazione dipenderà da personale specializzato interno. Fatti mandare fotografie, descrizioni e idee perché il contesto ti soddisfi e ti rappresenti. Non esitare a chiedere più informazioni possibili, ovunque deciderai di pianificare il matrimonio. Che sia su una spiaggia o in mezzo alla savana, devi arrivare con le idee chiare.

Immagine da Mixpixel

Documenti e burocrazia

Informati con per tempo

Se ti farai aiutare a pianificare il matrimonio all’estero, ti verrà inviato l’elenco della documentazione necessaria alla trascrizione legale. Informati comunque con il Consolato Italiano per avere una conferma dell’esattezza. A volte, alcuni documenti necessitano di traduzioni giurate o vidimazioni del Tribunale, soprattutto se si tratta di un secondo matrimonio. Se desideri celebrare il tuo matrimonio con cerimonia religiosa, dovrai informarti sui certificati necessari e relative traduzioni: contatta per tempo il responsabile della chiesa scelta.

Immagine da Pixnio

L’abito perfetto

Per il contesto scelto

Se hai pianificato il tuo matrimonio all’estero, avrai certo pensato a cosa indossare per essere a tuo agio e perfettamente intonato al contesto. Se ti sposi in spiaggia, evita abiti pesanti, giacche e cravatte oppure abiti da sposa lunghi e pomposi. Informati delle temperature medie e scegli tessuti confortevoli e adatti alla situazione. Anche il vento può diventare un fastidioso testimone di nozze: se ti sposi in una zona battuta dai venti, evita veli o cappelli pronti a fuggire via, seguiti da uno sciame di parenti pronti al recupero. Anche le scarpe hanno un grande ruolo: a meno che tu non abbia scelto Las Vegas o un’altra grande città, i tacchi sono da evitare, dando la preferenza a scarpe più comode o, addirittura i piedi nudi.


Prenota per i parenti

Contratta per tempo

Decisi il luogo e il contesto, dovrai pensare a quanti e quali parenti portare al seguito. Dovrai quindi cercare voli e sistemazioni per tutti, cercando di risparmiare quanto più possibile. Se ti sposi in un resort puoi chiedere un’offerta per più camere e contrattare sui costi. Se ti sposi invece in una città o in una location fai da te, dovrai cercare una sistemazione che possa accontentare tutti per servizi, comodità e soprattutto per il tuo portafoglio. Airbnb ti può venire in aiuto, perché ti da la possibilità di affittare grandi case dove collocare i diversi gruppi familiari con un buon risparmio. I voli, invece, vanno prenotati con più anticipo possibile, non solo per il vantaggio economico, ma anche per assicurarsi la possibilità di trovare posto per tutti sullo stesso volo. Alcune compagnie, inoltre, praticano sconti per i gruppi: informati sempre prima di prenotare.

Pianifica un evento collaterale

Per ospiti e partner

Una volta arrivato sul posto, organizza un party d’accoglienza per tutti i tuoi ospiti. Può essere un cocktail di benvenuto o una cena, prima della cerimonia o la sera prima di partire per salutare gli ospiti. Tutti apprezzeranno le tue attenzioni e unirà ancora di più le famiglie. Pianificare un matrimonio all’estero può diventare un modo per trascorrere qualche giorno di vacanza insieme alle persone care, con appuntamenti e incontri da ricordare. Non esagerare però con la programmazione: chi partecipa al tuo matrimonio, sarà felice di avere anche del tempo libero per riposarsi o esplorare i dintorni da solo.

Pianificare un matrimonio all’estero

La mia esperienza

Quando ho deciso di sposarmi, in età adulta e con una figlia adolescente, ho pensato molto alla possibilità di farlo all’estero e alla fine ho optato per questa possibilità con grande entusiasmo e curiosità. Volevo ricordarmi di quel giorno in maniera speciale, godermi l’intimità del momento solo con mio marito e nostra figlia. Ho scelto di sposarmi ad Antigua, in un gazebo davanti al mare al tramonto. Non è stato facilissimo ma mai scelta fu più azzeccata e mai poesia fu più suggestiva.


Ti è piaciuto? Ti può servire? Pinnalo!

Share



34 Comments

Mi son sposata in Italia ma spero di rinnovare i voti nella mia amata Grecia…

Reply

Nulla di più facile! La Grecia è sempre un’ottima scelta!

Reply

Avrei tanto voluto sposarmi su una spiaggia tropicale, al tramonto e senza quei tacchi vertiginosi ma i miei parenti non me l’avrebbero mai perdonato :*
Però per il decimo anniversario mi piacerebbe fare il rinnovo dei voti a Las Vegas nella cappella di Graceland…con Elvis 🙂

Reply

Bellissima idea! Puoi prenotarla già dall’Italia: c’è sempre un po’ di attesa. Io i tacchi li ho tolti, i parenti li ho lasciati a casa e mi sono sposata al tramonto di Antigua.

Reply

Ho letto con curiosità l’articolo perchè anche se non è mai stata mia intenzione sposarmi all’estero (mi sono sposata in Italia quasi 5 anni fa) mi incuriosisce molto questo tipo di esperienza..mi sembrerebbe più fattibile per un anniversario di nozze importante o per un rinnovo delle promesse ad esempio 😉

Reply

Fattibile anche per un matrimonio serio. La burocrazia è minima e lo si organizza senza problemi anche a distanza. Lo dico per esperienza: qualche documento, qualche mail, due testimoni raccolti nell’hotel e in un pomeriggio ero sposata con una cerimonia sulla spiaggia e convalidato nel giro di una settimana in Italia. I rinnovi e gli anniversari sono comunque sempre molto belli.

Reply

Pianificare un matrimonio all’estero non è affatto facile ma concordo sul rivolgersi a professionisti o qualcuno di fidato che può aiutarti in loco. Noi da Regno Unito, lo abbiamo organizzato in Italia e che fatica con la burocrazia nostrana ma tutti i sacrifici valgono sempre la pena per quel giorno magico.

Reply

Pensa che il contrario, dall’Italia al Regno Unito è molto più semplice! Noi italiani siamo malati di burocrazia. Ma, come dici tu, volere è potere!

Reply

Che matrimonio da favola deve essere stato il tuo!
Io spesso, per scherzare, dico al mio compagno che potremmo sposarci all’estero, ma senza nessun invitato, giusto per toglierci dall’impiccio!
Però sarebbe bello organizzare qualcosa così!

Reply

Non solo è possibile, ma è ormai molto facile ed è telematicamente trascritto. Basta cercare il consolato italiano nel luogo che ti interessa e chiedere: ti diranno quali documenti portare e come muoverti.

Reply

Woww, deve essere stato bellissimo sposarsi ad Antigua. Io vorrei organizzare un anniversario del mio matrimonio su un’isola e vorrei che fosse Super romantico!!!!

Reply

Niente di più facile! Ovunque si organizzano cerimonie meravigliose, dalle Bahamas alle Maldive.

Reply

Devo ammettere che un matrimonio in una località esotica deve essere molto suggestivo, ma ahimè non fa per me. Mi sono già sposata due volte e per me il capitolo è chiuso. Posso solo sperare che qualcuno mi inviti!

Reply

Io mi sono sposata solo due volte, e per la seconda volta ho scelto di scappare lontano. Forse mi porterà più fortuna!

Reply

Abitando in Australia ho scelto di sposarmi in Italia, perciò per me è stato un matrimonio all’estero, anche se ovviamente non è stata la stessa cosa di farlo in un paese terzo. Ma sicuramente dal punto di vista organizzativo c’è voluta molta pazienza e capacità di delegare. Se poi non avessi avuto parenti e amici pronti ad aiutarmi, avrei fatto sicuramente ricorso a una wedding planner locale!

Reply

Quando sei lontano, ti devi sempre fidare di qualcuno che ti aiuti. Meglio qualcuno che ti conosce, ma anche i wedding planner sono affidabili.

Reply

Ho avuto il piacere di essere invitata a un paio di matrimoni a Bali, tra il profumo dei fiori e quello del mare.
Che bellezza il tuo matrimonio, un vero sogno

Reply

Il matrimonio balinese è bellissimo. Ne ho visto uno anche io ed è stato bellissimo.

Reply

Il tuo matrimonio ad Antigua deve essere stato stupendo, Paola, sia per voi che per tua figlia. Ottimi consigli i tuoi, potrei farci un pensierino.

Reply

È stato bellissimo: ai parenti abbiamo mandato un whatsapp! Nessuno sapeva nulla! Ho avuto un matrimonio intimo, romantico con le persone più importanti della mia vita.

Reply

Tornassi indietro mi sposerei senza ombra di dubbio nella mia bellissima ed amata Grecia! Una cosa però li farò sicuramente, rinnovare le promesse su qualche isola meravigliosa

Reply

In Grecia ci sono location spettacolari per matrimoni e per noi italiani la burocrazia è minima. Ottima scelta!

Reply

Hai fatto la scelta migliore!! Anche io ho sempre sognato un matrimonio come il tuo, ma alla fine abbiamo optato per una festa con gli amici e i familiari. Mi sarebbe dispiaciuto escluderli dal nostro momento più felice, perchè in fondo sono parte integrante della nostra vita!

Reply

Anche a me un po’ è dispiaciuto, ma al ritorno abbiamo fatto una grande festa e ciò ha compensato le mancanze.

Reply

Non sapevo ti fossi sposata all’estero! Chissà che esperienza unica. Io e il mio compagno conviviamo da una vita ma non ci siamo mai sposati perché abbiamo sempre detto qualcosa del tipo “tanto c’è sempre tempo”. Ti confesso che non mi dispiacerebbe affatto farlo a Londra, però non ho mai preso in considerazione seriamente l’idea per la paura della burocrazia. Comunque lo farei senza dirlo a parenti o amici per evitare tutto lo “sbattimento” collegato!

Reply

Nessun problema per Londra! Serve solo la carta di identità valida (ultimamente meglio il passaporto) e qualche contatto con il consolato italiano a Londra. Si prende l’appuntamento per il matrimonio civile, ed è fatta! Per il matrimonio religioso è un po’ più complicato, ma volere è potere!

Reply

Intanto..che figata!! Complimenti per la scelta logistica del lieto evento, poi (da futura sposa) mi ha interessato e fatto sognare molto questo articolo! Se non avessi già la mia Napoli come location perfetta, farei volentieri un pensierino ad Antigua!

Reply

Napoli è una location meravigliosa: avete un mondo di angoli spettacolari! Quando succederà voglio una foto!

Reply

Per come siamo io e il mio compagno partiremmo con il primo aereo e ci sposeremmo lontano da tutto e da tutti ma non vogliamo fare un torto alle nostre famiglie, soprattutto ai nostri nonni anziani che sarebbero davvero tristi di questa decisione.
Altrimenti… Un pensierone….!!

Reply

Capisco benissimo! Però ci starebbe anche un a doppia cerimonia, magari in viaggio di nozze…

Reply

Noi non siamo spostati, ma vorremo tanto farlo all’estero in solitaria, anche se non valido diciamo ufficialmente, ma solo per noi e per farlo in modo diverso, tutto nostro. Quest’anno probabilmente andremmo alle Hawaii…magari dò una sbirciatina a come fare!

Reply

Perché non valido? Alle Hawaii è semplicissimo e la trascrizione è telematica! Niente di più semplice. I testimoni li trovi sul posto e ai parenti mandi un whatsapp! Io ho fatto così e a tutti è venuto un colpo! Se hai bisogno o hai dubbi, chiedimi pure! Ho preparato molti matrimoni all’estero.
(Il mio matrimonio ad Antigua è stato registrato dopo una settimana in Italia con data retroattiva)

Reply

Thanks for sharing this wonderful writing about having weddings abroad, Paola & have a great week ahead 🙂

Reply

Thank you!

Reply
Lascia un commento

Your e-mail will not be published. All required Fields are marked

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: