Cosa mangiare a New Orleans – gusto e musica

Tra i luoghi comuni più diffusi c’è quello relativo alla cucina americana: solo grassi e fast food. In realtà, mangiare a New Orleans può sovvertire ogni maldicenza e farti scoprire nuovi gusti. La Louisiana, e soprattutto New Orleans, ha una cucina unica, fatta di influenze europee e africane. Francesi, spagnoli, italiani, tedeschi, africani e nativi americani hanno contribuito a formare piatti dinamici e saporiti, molto lontani dalla cultura tipica americana. Le ricette tipiche, ricche di sughi e preparazioni complesse, partono da ingredienti molto semplici come cipolle, peperoni, pomodori e gumbo (l’ocra, pianta di origini africane) e tutto viene trasformato in piatti magici. New Orleans è un vero paradiso per i buongustai.

Pasto veloce

Ecco il Po’Boy

Alla fine del 1800 parecchi agricoltori e operai portuali giravano per New Orleans ed erano sempre alla ricerca di cibo economico ma nutriente. Mangiare a New Orleans divenne facile per i “ragazzi poveri”, i “poor boy”, quando lo street food riempì le strade con un alimento base: il Po’ Boy appunto. Si tratta di un panino tipo baguette ripieno di arrosto, manzo o frutti di mare, semplici o conditi con insalata, pomodoro, sottaceti e salse. A New Orleans lo trovi ovunque, semplice o sofisticato, vegano o vegetariano, classico o rivisitato.

Languore di mezza giornata

Ecco il Muffuletta Sandwich

L’orgoglio patriottico e la fame improvvisa ti farà avvicinare alla Muffuletta, da mangiare a New Orleans per pranzo o per uno spuntino, camminando per le strade movimentate. L’origine di questo panino è assolutamente italiana, fatto con il pane tondo siciliano al sesamo, imbottito di provolone, formaggio svizzero, salame, mortadella e insalata. Questo panino nacque all’inizio del 1900 quando gli operai siciliani vivevano nel Quartiere Francese. In quel periodo infatti era chiamato “Little Palermo”.

Città di mare

Ecco le Ostriche

Puoi mangiare le ostriche ovunque nel mondo, ma quelle di New Orleans sono davvero speciali. Le puoi mangiare crude, fritte, farcite, gratinate o nel Po’Boy, tutti modi bizzarri per noi che siamo abituati a gustarle con solo una spruzzatina di limone. Uno dei ristoranti più antichi e famosi dove mangiare a New Orleans è sicuramente Antoine’s nel Quartiere Francese, luogo di nascita delle ostriche alla Rockfeller, ovvero gratinate e speziate.

Una cena tipica

Ecco la Jambalaya

La Jambalaia è un piatto assolutamente da mangiare a New Orleans: ha influenze diverse ed è un mix di sapori e profumi incredibili. La ricetta è una miscellanea di tradizioni africane, spagnole e francesi, composta da riso, verdure, frutti di mare, carne e decine di spezie diverse. Assomiglia un po’ alla paella spagnola ma anche allo Jollof africano e molto alla Jambalaia francese. Non sarà difficile assaggiarla: la trovi ovunque ed è sempre un’esperienza diversa perché ogni ristorante ha la sua ricetta e diverse dosi per le spezie.

Una cena di pesce

Ecco l’ Étouffée

L’Étouffée è una cena perfetta: abbondante e saporita. L’origine del suo nome “soffocamento” in francese deriva dal modo di preparazione del piatto. Si tratta infatti di un piatto di crostacei e riso cotto con il metodo a “soffocamento”, ovvero molto lentamente con una ricca dose di condimenti. La cosa divertente è come si ordina: devi chiedere un “Aitoofai”, con la pronuncia americana!

Il cibo del sud

Fagioli Rossi e Riso

Nel sud degli Stati Uniti e nel Sud America lo trovi ovunque. Fagioli e riso è un piatto tipico casalingo, semplice, nutriente e senza tempo. Tutti i ristoranti lo tengono in menù ed è un fantastico pasto da mangiare a New Orleans quando  vuoi mantenerti leggero, magari prima di una merenda di al Caffè du Monde! (dopo capirai…)

Una zuppa straordinaria

Ecco il Gumbo

Tre ingredienti principali e saporitissimi: peperoni, cipolle e sedano. E poi si aggiungono carne o crostacei. L’unica decisione che dovrai prendere è se assaggiare il Gumbo creolo, con crostacei, ocra, pomodori e salsa, o il Gumbo di Cajun, con solo pollo e senza pomodori. In entrambi i casi si tratta di una saporitissima zuppa che ti scalda e ti inebria di spezie.

Voglia di frutti di mare

Ecco i Gamberi bolliti

Trovi gamberi ovunque a New Orleans, nei ristoranti e nello street food, spesso sfrigolanti su griglie accanto a pannocchie e patate. Per i gamberi c’è un periodo migliore, che va da marzo a giugno. Nulla da dire, se non che sono saporitissimi e uno spuntino improvvisato diventa un pranzo gourmet, anche in mezzo a un mercato.

Voglia di dolci

Ecco i beignet

Qui la Francia ha lasciato il suo dolce segno ed è buonissima anche la rivisitazione di New Orleans. Fare colazione o un dolce break al Caffè du Monde è d’obbligo a New Orleans. Non c’è l’eleganza francese o un caffè d’eccezione, ma fanno dei beignet particolari e buonissimi. Una botta di calorie da smaltire camminando sodo per la città. Se vuoi proprio immergerti nel mood tipico, prendi un caffè di cicoria.

Calo di zuccheri

Ecco le Praline

Le Praline sono dolcissime e buonissime. Ne ho comprate un sacchetto e ho dovuto finirle, stregata da quella delizia croccante. Si tratta di caramelle/biscotti di zucchero di canna, leggermente friabili, decorate con noci pecan tostate. Si narra che siano state inventate da un francese, Cesar du Plessis Praslin, nel 1800, mentre lavorava a New Orleans. Non comprarle: danno dipendenza!

Dolce a Sorpresa

La King Cake

Si tratta di una torta coloratissima, bagnata di sciroppi dolcissimi e piena di zucchero. Si può mangiare a New Orleans soprattutto nelle occasioni speciali. All’interno della torta viene nascosto un bambino di plastica. Chi lo trova (e soprattutto non lo ingoia per sbaglio) avrà fortuna tutto l’anno. È un’usanza anche Europea: in Spagna e in Francia viene servita il giorno dell’Epifania. Si usa anche in America Latina.

Una cucina speciale

Come New Orleans

New Orleans è una città davvero unica e speciale. Le sue strade ti ricordano ogni momento che la vita va vissuta con allegria e spensieratezza e ciò si riflette anche nella sua cucina, colorata e speziata. Un’esplosione di gusti e colori che ti mette allegria anche a tavola. Eccessi e dissipatezze: per qualche giorno lasciamoci andare!

Share



41 Comments

oddio i beignets! Li ho mangiati al City Park, in un’atmosfera da sogno, ovviamente accompagnati dal Cafè au Lait. E poi a cena un ottimo gumbo e pecan pie… meravigliosi. la cucina del sud è ottima, iho assaggiato anche il po’ boy, ma non a New Orleans.

Reply

Tutto il sud ha una cucina fusion meravigliosa! Da perdere il peso forma…

Reply

Non amo le ostriche ma certo a new orleans non morirei di fame!opterei per le praline e per i poorboy ma con il pesce

Reply

Puoi mangiare di tutto! E le ostriche loro le cucinano in mille modi: uno che ti piace lo trovi di sicuro!

Reply

New Orleans mi ispira moltissimo e mi piacerebbe tanto vederla!! Non sapevo poi ci fossero così tante cose da provare! io personalmente vorrei assaggiare la Jambalaya, sembra delizioso questo piatto!

Reply

La Jambalaya è buonissima! Ma se vai, assaggia tutto!

Reply

Ho visto tanto su questa città in tv e sapevo della sua cucina ricca di influenze diverse…tutti piatti che fanno venire l’acquolina in bocca!

Reply

La cunina della Louisiana è molto diversa dal resto degli States. Sono ingrassata 3 chili…

Reply

Sono davvero incantata dalla quantità di piatti da poter assaggiare a New Orleans. Premetto che amo le ostriche e sono molto più per i cibi sofisticati, o serviti. Ma devo dire che il po’Boy e la muffoletta, cavoli, sembrano davvero appetitose!!!

Reply

Non troverai ostriche crude: a differenza nostra vengono cotte in tutti i modi possibili. Ma sono deliziose!

Reply

Mangerei tutto, dal primo all’ultimo. Mi ha molto incuriosito però la foto del cartello con l’alligatore fresco: era vero? L’avete assaggiato?
New Orleans è una città che mi affascina molto, spero di poterla visitare presto

Reply

L’alligatore assomiglia un po’ al vitello. L’ho assaggiato in un Po’Boy. Saporito e particolare.

Reply

Ho viaggiato per oltre un mese negli USA, da Costa a Costa e poi in California e sinceramente non ho apprezzato molto la cucina americana. Sembra però che New Orleans faccia eccezione e che quando deciderò di andarci dovrò proprio ricredermi!

Reply

La cucina di New Orleans è proprio diversa da quelle che conosciamo. Assomiglia tanto a quella europea. Da provare!

Reply

Quante cose buone da mangiare!! Mi piace molto lo street food quindi sicuramente opterei per il Po’ Boy. Sembra davvero invitante, come anche il Muffuletta Sandwich, lo vedo molto carico e gustoso!! Di solito mi piace prendere una cosa al volo per non perdere minuti preziosi nella visita di un luogo, ma ogni tanto è bello anche fermarsi in qualche ristorantino e provare qualche specialità come il Jambalaya.

Reply

Il Po’Boy è perfetto per un pasto veloce, così come il Muffuletta. La sera è bellissimo sedersi in un ristorante del quartiere francese a cena, accompagnati dalla musica jazz.

Reply

Looks like some delicious cajun foods!!!

Reply

In New Orleans I ate a lot of cajun food: delicious!

Reply
Reply

Quante bei piatti si possono gustare a New Orleans. Ti dico la verità mi attirerebbe per i vari aspetti della città del sud, la musica, le piantagioni, più che per il cibo. Un bel viaggio musicale negli States mi piacerebbe molto

Reply

Sono stata a New Orleans un paio di settimane ed ho girato i dintorni, piantagioni e paludi comprese. È stato un viaggio meraviglioso: il cibo è stato un ottimo contorno e la musica ha accompagnato la mia felicità.

Reply

Anche noi siamo stati a New Orleans appena prima dell’arrivo di Latrina, per cui ho visto la vera e originale città! Jambalaja e Gambolò consigliatissimo anche per chi non ama molto il piccante come me!

Reply

Purtroppo posso solo immaginare come era prima. Oggi è meravigliosa!

Reply

New Orleans è una di quelle città che mi ispirano parecchio! Mi piacerebbe visitarla e assaggiare la sua variegata cucina così influenzata da tante culture diverse!

Reply

La moltitudine di tradizioni e usanze provenienti dal mondo ha creato una città spettacolare, piena di voglia di vivere. Da vedere assolutamente!

Reply

Ciao mi hai fatto venire molta fame con le prelibatezze che hai ben presentato, di certo non si sta digiuni in quel luogo magico

Reply

Direi di no. Anzi, si mangia di continuo!

Reply

Hai ragione, nel pensare comune, quando uno pensa agli USA di certo non vengono in mente particolari prelibatezze culinarie, in realtà anche negli States si possono mangiare ottime cose e New Orleans penso sia probabilmente il posto migliore dove assaggiare davvero di tutto! Purtroppo non ci sono mai stata, ma con questo articolo mi hai fatto venire una gran voglia di andarci, oltre a una gran fame! 🙂

Reply

New Orleans ha tantissime cose da vedere e da vivere oltre che da mangiare. Ma il cibo è davvero particolare.

Reply

Mi hai fatto venire fameeee!!! Pur essendo i re della cucina, perché ammettiamolo come si mangia in Italia non ce ne, devo dire che ci sono diverse soluzioni appetitose… quando sono all’estero prediligo il cibo locale, se è commestibile e visivamente appetitoso, e a New Orleans ordinerei sicuramente Muffuletta Sandwich, Jambalaya e i Beignet.

Reply

È una cucina iper iper calorica. Poi al ritorno si smaltisce…

Reply

Da anni sogniamo un viaggio a New Orleans e nel sud degli USA e la cucina di questa zona è sicuramente uno dei motivi principali! Ci sono così tanti piatti che vorrei provare!

Reply

Sono piatti che facilmente piacciono perchè sono molto vicini ai gusti ai quali siamo abituati. Vedrai, New Orleans è bellissima!

Reply

Per me sarebbe un sogno andare a New Orleans, immergermi nelle sue atmosfere, nella sua musica e, soprattutto dopo questo articolo, nella sua cucina. Vorrei assaggiare tutto, ma su tutto il gumbo e tutti quei piatti di matrice creola. E poi vabbè, le ostriche sempre…;)

Reply

Le ostriche cotte sono state una rivelazione. Pensavo fosse uno spreco, in realtà sono buonissime!

Reply

Mi hai fatto tornare in mente dei bellissimi ricordi! Ho trascorso un paio di giorni per lavoro a New Orleans ma il poco che ho visto mi è piaciuto tantissimo. Soprattutto, ho mangiato tantissimo! Tra le cose che più mi sono rimaste impresse ci sono sicuramente il gumbo, i po’ boy (nel mio caso con ostriche impanate e fritte), il panino di alligatore e i beignet del Café du Monde – lo zucchero a velo mi è rimasto incollato ai pantaloni neri per tutto il giorno 😉

Reply

Ho mangiato per dieci giorni ogni cosa, giusto per assaggiare. Al ritorno ho digiunato giorni per smaltire. Però che soddisfazioni!

Reply

Mi sono commossa per la nostalgia che mi è venuta leggendo il tuo articolo! Ho sperimentato personalmente ogni piatto, ogni locale che hai nominato (tranne Antoine). L’atmosfera unica di New Orleans rivive nella sua cucina allegra, speziata, contaminata e deliziosa. Il mio ricordo indelebile? La jamabalaya con sottofondo di live jazz

Reply

Un anno fa ero a New Orleans in compagnia di amici Texani che mi hanno accompagnato in ogni angolo nascosto (hanno fatto l’università a New Orleans). Sono stati 10 giorni meravigliosi, compresi i chili da smaltire al ritorno!

Reply

Che meraviglia! New Orleans è nella mia lista dei desideri da molto, ma onestamente non avevo mai considerato l’aspetto gastronomico. Ottima ragione per visitare questa città!

Reply

New Orleans è colorata e allegra come il suo cibo. Era anche il mio sogno e mi sono svegliata ridendo.

Reply

Aspetto la tua opinione!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: