L’importanza dei ricordi di viaggio – pillole di felicità

Viaggiatori in stallo

ricordiamo i nostri viaggi!

In questo momento non possiamo muoverci, non possiamo organizzare viaggi e weekend nell’incertezza degli eventi. I viaggiatori si sentono un po’ persi, sentono la nostalgia di tutto quel turbinio di emozioni che inizia dalla prenotazione e finisce con il rientro a casa. Mai come in questo momento i ricordi di viaggio sono importanti. Ricordare i momenti spensierati in viaggio, ci aiuta a sopportare questa stanzialità forzata. Ma perché sono così importanti i ricordi di viaggio? Perché ci fanno stare meglio?

Ogni ricordo è una carezza

se diventa emozione

Il concetto di base è che noi siamo come siamo per quello che ricordiamo. Le esperienze, gli avvenimenti, le cose e i luoghi nuovi si fissano nella memoria e ci modificano. E i ricordi di viaggio riemergono se vengono stimolati, magari da un profumo o da uno stimolo visivo. Ed è proprio in questo momento che il ricordo diventa incancellabile: quando diventa emozione. Non ti è mai capitato di sorridere pensando a un momento felice in viaggio? Il ricordo di quel momento sarà incancellabile e ti aiuterà a sorridere quando ne avrai bisogno. E pensa che la tua memoria ne è piena!

I ricordi di viaggio sono perfetti

pieni di particolari

Nella vita di tutti i giorni cerchiamo di evitare le distrazioni, per concentrarci solo su ciò che riteniamo importante e fondamentale. Quando siamo in viaggio ci lasciamo andare e incameriamo moltissimi ricordi: il profumo di una stanza, la vista dalla finestra, il canto di un uccello e moltissimi altri piccoli particolari. È possibile che ti ricordi perfettamente di una giornata trascorsa in un viaggio di molti anni fa piuttosto che di un giorno della scorsa settimana al lavoro.

Una palestra di benessere

dentro di noi

I ricordi di viaggio spuntano dal nulla, ci aiutano, ci divertono e ci distraggono. Non c’è nulla di meglio che pensare al calore del mare durante una giornata uggiosa o al sole caldo dell’estate quando fuori si gela. I ricordi hanno una propria vita, vanno e vengono aiutandoci a superare gli ostacoli del quotidiano. E in questo periodo di ostacoli ce ne sono moltissimi. I ricordi di viaggio vanno coltivati e protetti: sono un interruttore interno, una palestra di benessere che chiunque può permettersi. È la parte di bellezza che ci rimane dentro e che possiamo utilizzare in ogni momento.

Coltiviamo i ricordi di viaggio

non solo sul cellulare

Per coltivare i ricordi di viaggio esistono molti modi, ognuno deve trovare il sistema giusto. Non bisogna limitarsi alle fotografie: spesso l’ansia di fotografare ci fa perdere la vita vera. Magari può essere utile prendere appunti o disegnare. Per questo è fondamentale partire per un viaggio con un diario, per prendere appunti, per non farti scappare nessun dettaglio. Non affidare i tuoi ricordi al solo cellulare: la tua mente vale molto di più. Quando riaprirai quel quaderno, il tuo viaggio sarà di nuovo lì.

La scatola dei ricordi di viaggio

per emozionarmi

Ogni viaggio merita di essere ricordato. Per questo io conservo tutto ciò che mi può far rivivere momenti ed emozioni. Ho una scatola dove raccolgo tutto: memorie e bigliettini, scontrini e carte d’imbarco, fiori esiccati e appunti. È il mio tesoro, il mio esercizio mindfulness personale. Rievoco e sorrido, ricordo e sto meglio. E, seduta sul divano di casa mia, scopro che i viaggi, quelli veri, non finiscono mai.




36 Comments

Anch’io amo ricordare spesso momenti e dettagli dei miei viaggi. Ho solo un grande dispiacere: da quando ho la macchina fotografica digitale non stampo quasi mai le foto. Una volta facevo invece album bellissimi con tutte le foto in sequenza e tutti i luoghi segnati per ogni viaggio. Che peccato che ho perso l’abitudine!

Reply

Anche io sento la mancanza della stampa e degli album pieni di foto e ricordi. Credo che il digitale ci abbia privato di quelle giornate a sfogliare ricordi. Il digitale è meno emozionante.

Reply

Immergersi nei ricordi dei momenti più belli è sempre una gioia… ancora di più se parliamo di viaggi! Proprio la voglia di ricordare è uno dei motivi che mi spinse ad aprire il blog e nei momenti di “magra” è sempre piacevole rileggere gli articoli, rivedere le fotografie e sfogliare i vari depliant, pieghevoli e biglietti collezionati in viaggio

Reply

Anche il mio blog è una grossa scatola di ricordi. Speriamo di metterci dentro altre memorie presto!

Reply

Sono d’accordo e faccio lo stesso, le scatole dei ricordi, le foto stampate (una selezione). E un blog di viaggi 🙂

Reply

Già, il blog serve proprio a ricordare!

Reply

Da sempre raccolgo i cimeli di viaggio in barattoli, ogni anno creo il barattolo della felicità. A distanza di qualche anno è bello andare a rivivere quanto vissuto, semplicemente aprendo un barattolo 🙂

Reply

Mai come in questo momento. Viaggio dal divano con i vecchi ricordi!

Reply

hai scritto un articolo bellissimo. Grazie. Mi hai dato la possibilità di riflettere sull’importanza dei ricordi. E sul mio bisogno di ricordare con tutti i sensi.

Reply

In questo momento storico è più importante che mai.

Reply

Concordo appieno con tutti i tuoi pensieri. Io raccolgo i miei ricordi in grandi libri fotografici dove aggiungo pagine di scontribi,biglietti,carte d’imbarco e soprattutto cartine e giornali che compro in giro di tutto il viaggio per ricordarmi cosa ho fatto durante il percorso!

Reply

Viaggiatori, una faccia, una razza!

Reply

Sembra tu l’abbia scritto per me. 😉
Continuo a non riuscire a metterti i like, succede solo con ilt uo blog. Mi dispiace.

Reply

Siamo davvero in tanti ad essere legati ai ricordi. Mi dispiace, ma non riesco a risolvere il problema! Avrò qualche plugin di disturbo. Ho bisogno di una mezza giornata di full immersion e risolverò…

Reply

Io comunque like o non like ti leggo sempre con molto piacere. 😉

Reply

Grazie! È reciproco! Se passo dal Portogallo ti faccio un cenno!

Reply

Ci conto! 😉

Reply

Proprio vero in questo periodo viaggiamo con la fantasia e i ricordi, come te anche io colleziono biglietti dei viaggi, souvenir particolari e altre cose mi ricordano anche a casa la mia grande passione. Ho anche una stanza dedicata ai viaggi!

Reply

Ho anche io oggetti sparsi per la casa. Mi aiutano a rimanere attaccata a ciò che ho vissuto.

Reply

Cartoline, biglietti di ingresso, scarabocchi, tutto pur di conservare un ricordo vivido dei viaggi! Per fortuna la memoria mi aiuta molto bene, e meno male, soprattutto in un periodo come questo!

Reply

In questi giorni ho riordinato tutto. Mi sento già meglio.

Reply

È proprio l’autenticità delle emozioni ciò che manca di più adesso. Il poter cogliere la bellezza di un tramonto dall’altro lato del pianeta, la spensieratezza di una passeggiata sulle rive del Tamigi, il gusto di bere un bicchiere di Rhum a Cuba. È vero, siamo come siamo per quello che ricordiamo, e dovremmo essere felici di poter far tesoro dei nostri meravigliosi ricordi di viaggio. Sono quello che ci terrà in vita in attesa di tempi migliori!

Reply

Ho un’estrema voglia di creare altri ricordi. Non si sa mai…

Reply

Bellissimo questo tuo post! I ricordi, soprattutto oggi, sono proprio una carezza, hai ragione… Comunque anche io ho una scatola dei viaggi! In realtà si tratta di un paio di valigette vintage in cui ho conservato due / tre oggettini che ho portato da ciascun paese dove sono stata!

Reply

Fa bene “toccare” i ricordi delle scatole. Spesso mi capita di pensare “questo oggetto ha fatto un lungo viaggio, arriva da là, è nato là”. E mi sento già meglio…

Reply

Quanta verità nel tuo post! E adesso più che mai i ricordi sono importanti per continuare a viaggiare con la memoria. Proprio in questi giorni facebook mi ripropone i ricordi del bellissimo viaggio in Cile, ed è bello pensare che presto ricominceremo a programmare e a sognare di ripartire. Per ora guardiamo le nostre scatole e risentiamo i profumi delle nostre esperienze

Reply

Speriamo di ricominciare a programmare al più presto! Ho bisogno di cambiare fuso orario!

Reply

Io annoto ogni emozione non solo nella mente e nel cuore, ma anche su un piccolo diario di viaggio. Ancora scrivo a mano infatti. Anche gli articoli per il blog li metto su carta e poi li passo su pc!

Reply

Anche io: ho un diario per ogni viaggio, pieno di ricordi, scontrini, biglietti, fiori e tutto ciò che mi ricorda quei giorni preziosi. Sono il mio antidepressivo personale.

Reply

Bellissima questa ode ai ricordi, soprattutto quelli legati ai viaggi. Hai proprio ragione a dire che basta pensare ad una giornata d’estate al sole in viaggio, e tutto sembra più bello! Sfogliare i diari di viaggio, toccare con mano biglietti, foto, scontrini è anche uno dei miei passatempi preferiti.

Reply

Un grande aiuto durante questo lungo e solitario inverno.

Reply

Hai detto benissimo: a volte ricordiamo più dettagli di una giornata in viaggio di qualche anno fa rispetto a quello che abbiamo fatto in ufficio magari la settimana scorsa! Per esempio ricordo i dettagli dei grattacieli che si vedevano dalla nostra stanza d’albergo a Brooklyn lo scorso anno, oppure l’odore che c’è all’aeroporto di Stansted quando arrivi a Londra. In questo momento ricordi del genere aiutano a non pensare troppo al fatto di essere “inchiodati” a casa!

Reply

Quanto aiuta guardare anche solo le fotografie…

Reply

Traveling is wonderful I would like to click on the “Like” button, but it isn’t loading & says “Caricamento…” when I use both Firefox and Brave browsers?

Reply

I’m trying to solve … Thanks for your help

Reply

🙂

Reply

Aspetto la tua opinione!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: