Pasqua a Madeira in stile atlantico

Andiamo a Madeira!

Vi porto in un paradiso non molto lontano, dove trascorrere qualche giorno durante le vacanze di Pasqua. Andiamo a Madeira che insieme a Porto Santo disegna due punti nell’Atlantico che introducono un elenco infinito di meraviglie naturali e paesaggi mozzafiato. Bastano pochi giorni, giusto un lungo weekend per sentirsi in vacanza, per cambiare clima e panorama.

E’ sempre primavera

Raggiungere Madeira non è così difficile nè costoso. C’è il fastidio di un breve scalo, ma il disagio è ampiamente ripagato. La temperatura è mite tutto l’anno, gode di venti che la rinfrescano in estate e la riscaldano d’inverno: un’eterna primavera. Un clima da “maglietta e felpetta alla sera” che invoglia a grandi passeggiate nella natura lussureggiante o sulle spiagge lambite dall’oceano. Si parla di primavera anche d’estate ma, in realtà, ci si riferisce alla temperatura dell’aria: il sole è molto caldo e il clima è quello tipico estivo al quale siamo tutti abituati, con brezze fresche serali.

Due passi a Funchal

Funchal è la città principale, moderna e organizzata, protetta dai venti e carica di storia. Vale la pena girarla in lungo e in largo, ripercorrendo tutte le tappe della sua storia lunga più di 500 anni. Pochi giorni non bastano per vedere tutto, ma ci si può sbizzarrire tra arte e natura, a partire dalla Cattedrale, il vicino mercato dei Lavradores, la salita in collina con la teleferica, il giardino tropicale del Monte, la salita fino alla Chiesa di Nostra Senjora del Monte, la tipica discesa con i cestinos, per finire (senza aver davvero finito tutto) con il Pico do Arieiro.

madeira chestinos

Dove dormire?

Se poi vogliamo cogliere il fascino atlantico dell’isola respirando l’aria delle colonie europee, vi consiglio un albergo storico, aperto nel 1891 per accogliere i passeggeri dei transatlantici sulla rotta per le colonie britanniche: il Reid’s Palace, a Funchal,  che mantiene ancora oggi il fascino della tradizione edoardiana. All’interno dell’hotel, nelle camere, nella sala da pranzo il tempo si è fermato, e ti sembra di sentire il fruscio degli abiti delle signore e l’odore del tabacco degli uomini sbarcati per una breve sosta da una nave da crociera come il Titanic.

Guardando l’oceano

L’hotel ha una pazzesca terrazza sull’Atlantico, da cui scrutare le onde fino a perdersi nella linea curva dell’orizzonte mentre il vento fa tintinnare i grandi lampadari di cristallo. Vengono organizzate anche settimane a tema come la Botanical Experince, dedicata alla scoperta della flora di Maderia, oppure Gourmet Holiday, con menù degustazioni e lezioni di cucina.

Forse qualche giorno non basta: è meglio fermarsi tutta la settimana…

Share



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: