TANZANIA: SELOUS, QUI NON E’ CAMBIATO NULLA

Appena arrivi al Selous ti basta uno sguardo per capire che qui non è cambiato davvero nulla. E già questa è una novità per uno dei posti più belli del mondo. E’ difficile guardare qualcosa che l’uomo non ha ancora modificato per renderlo più affine alle sue prospettive.

100_3980

Ma c’è ancora un’Africa uguale a quella dei safari adrenalinici di Hemingway, che osava guardare negli occhi un elefante pronto a caricarlo. Un’Africa di cacciatori senza fucile, per i quali le prede sono le emozioni forti. Dove ci si sveglia con un leopardo sulla veranda del campo tendato o si naviga sui fiumi andando a sbattere contro gli ippopotami. Al limite del rischio, ma senza pericolo vero, grazie ai ranger.

Immagine 211

Qui la natura è forte e meravigliosa, ma anche crudele, i leoni inseguono una preda, l’atterrano e la sbranano, ben diversi dai felini annoiati dai flash dei turisti che affollano certi parchi del Continente Nero.

100_3943

Ma gli amanti sinceri della natura dopo aver visitato tutti i surrogati dell’Africa selvaggia si ritrovano qui,  nell’Africa  autentica nella Tanzania del sud, quella dei parchi del Selous e del Ruha.

Immagine 111

Dove i suoi campi tendati sono per pochi, selezionatissimi e motivati visitatori: lodge esclusivi in questo senso, non nei prezzi, e per le emozioni che offrono e ci si porta dietro per tutta la vita.

100_3957

Perché qui il safari è più autentico e straordinario che altrove. In qualsiasi altro parco africano, infatti, è facile incontrare un felino che dorme sotto un cespuglio. Ma passare un’intera giornata con una famiglia di leoni, osservarli giocare insieme, seguirli nella cassia o addirittura assistere all’accoppiamento, accompagnati da guide naturalisti, è un evento unico.

100_3938

Share

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.