Ankazoberavina: l’isola dei lemuri

Se sei così fortunato da fare una vacanza in Madagascar, prova a rendere ancora tutto più magico trascorrendo qualche giorno in questa meravigliosa isola: Ankazoberavina. Il suo nome significa “alberi dalle grandi foglie” in malgascio. E’ una minuscola isola vulcanica nella baia di Nosy Be, al largo della costa nordest del Madagascar, tutta dedicata a scienza ed ecoturismo. Vivrai in modo semplice e ti godrai la semplicità della natura.

Un bungalow nella natura

Ankazoberavina si trova in una riserva naturale,  gestita da ricercatori, a cui il governo ne ha concesso l’uso esclusivo per preservarne l’ambiente. L’isola offre anche un lodge con otto bungalow: un’oasi incontaminata, abitata da tartarughe giganti e lemuri, dedicata a econsensibili Robinson Crusoe riveduti e corretti, che desiderano vivere per qualche giorno accanto a scienziati e biologi.

Paradiso senza abitanti

Nessuno ha mai abitato ad Ankazoberavina anche se sono presenti al suo interno alcuni luoghi sacri, come una grande roccia vulcanica sulla spiaggia ed un albero recintato, che la rendono meta di pellegrinaggi propiziatori annuali. Ciò ha quindi contribuito alla proliferazione di piante e animali selvatici senza disturbi o modifiche dell’ambiente, rendendo l’isola un vero paradiso africano.

madagascar2

Il resort

Il resort è stato costruito cercando di rispettare al massimo l’ambiente circostante, senza apportare modifiche che in qualche modo influiscano sulla vita naturale delle creature dell’isola. La struttura dell’ecolodge è tipica delle capanne malgascie, anche se con qualche accortezza in più: ecosostenibili ma comode. Il ristorante si trova su una piattaforma vicino al mare e generalmente vengono serviti piatti di pesce pescato in giornata. Oltre che alla vacanza nel resort, i servizi sono accessibili anche per le gite in giornata da Nosy Be, purchè si preservino intatte le bellezze naturali dell’isola.

Tante cose da fare

E poi molte attività diverse, come le immersioni negli intatti fondali circostanti o le escursioni soprattuto durante l’inverno australe (luglio, agosto, settembre) di whale watching, per il passaggio delle megattere, prima che tornino nelle acque fredde del Polo Sud.

Non è per tutti

E’ una vacanza per puri di cuore, per amanti della natura e non dipendenti dal wifi (non è sempre disponibile), a caccia di meraviglie naturali senza distrazioni tecnologiche o effetti speciali. Ankazoberavina serve a staccare la spina, dimenticare casa per qualche giorno circondati dal mare africano, sotto il cielo stellato. Non c’è altro. Ma il valore aggiunto è proprio questo.

 

Share



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: