Cosa fare a Zanzibar – per una vacanza perfetta

L’isola delle spezie

piena di sorprese

Quando arrivi a Zanzibar vieni immediatamente rapito dal mare trasparente, dalla sabbia bianca e dalla vegetazione che decora l’isola. Basta solo questo per circondarti di meraviglia, mentre stai sulla spiaggia e ti godi il sole chiacchierando con i Maasai che passeggiano, ma voglio raccontarti cosa fare a Zanzibar per rendere la tua vacanza perfetta.

Cosa fare a Zanzibar

tramonti prodigiosi

Una delle cose da fare a Zanzibar è guardare il tramonto su Stone Town dalle terrazze panoramiche di uno dei suoi hotel. Ce ne sono alcuni più lussuosi, altri meno, ma tutti viziano e coccolano i turisti poco prima di cena, quando preparano sfiziosissimi stuzzichini da mangiare con freschi cocktail o, ancora meglio, con del buonissimo vino sudafricano. Si aggiunge all’estasi del palato il godimento degli occhi, su tramonti mozzafiato e coloratissimi. Un lungo momento di pace e serenità che ti ricorda che comunque sei in vacanza e che tutto questo relax te lo sei meritato.

Cosa fare a Zanzibar

a caccia di spiagge isolate

Un bagno nelle acque di Mangapwani Beach, a due passi dalla Slave Cave è una cosa da fare a Zanzibar, senza alcun dubbio. La Slave Cave, una profonda caverna collegata al mare, fu costruita alla fine del 1800 e utilizzata per il transito illecito degli schiavi dopo l’abolizione della schiavitù. All’esterno trovi una zona verde con molti alberi autoctoni e poco distante si apre una spiaggia meravigliosa, lunghissima e bianca. È principalmente utilizzata da pescatori che partono, tornano e scaricano il pescato ogni giorno. Ciò che di loro rimane è un leggero odore di pesce che la rende meno appetibile per i turisti. In realtà è un vero incanto.

Cosa fare a Zanzibar

un giro ai mercati

Non puoi perderti una visita ai mercati cittadini, tra i banconi delle spezie, del pesce, della frutta e delle carni. I principali mercati di Stone Town da visitare sono due. Il primo è il mercato alimentare notturno nei Giardini di Forodhani, facilissimo da trovare perché proprio sul lungomare. Inizia poco prima del tramonto e va avanti per tutta la notte. È il paradiso degli amanti dello street food, e puoi cenare o assaggiare il vero cibo africano. Il secondo è il mercato di Darajani, molto diverso dal primo principalmente perché è lontano dalla costa e si svolge sulla strada che divide Stone Town dalla città di Zanzibar. Qui si vende un po’ di tutto: stoffe, artigianato, pesce, carne, verdura e frutta. È coloratissimo e allegro anche se non proprio profumatissimo.

Cosa fare a Zanzibar

un affaccio dal palazzo del Sultano

Puoi provare un’antica emozione con un solo affaccio dai balconi dell’ex palazzo del sultano, che dà sul lungomare di Stone Town. Ti consiglio di visitare l’iconico palazzo, la House of Wonders e il Palace Museum, l’edificio più moderno dell’africa orientale, il primo con l’elettricità e un ascensore. Attualmente è piuttosto decadente e necessita di una sistemata, ma si intravedono i vecchi fasti, fatti di colonne in ghisa, porte intagliate, coralli e architetture arabe. Proprio accanto si trova il Museo del Palazzo, costruito dal secondo sultano di Zanzibar nel 1883. Affacciandoti nella balconata interna della House of Wonders puoi vedere dall’alto una vecchia imbarcazione indigena in tutto il suo splendore.

Cosa fare a Zanzibar

un blue safari!

Devi assolutamente provare l’escursione in dhow, l’imbarcazione tipica africana, per un “blue safari” fino alle isole meridionali con picnic sulla spiaggia. Puoi utilizzare le agenzie turistiche, i banchi escursioni degli hotel o chiedere ai beach boys, come preferisci e come ti conviene. Un giro in barca è doveroso, trovandoti in un’isola: vederla con una diversa prospettiva renderà più completa la tua vacanza.

Cosa fare a Zanzibar

due passi tra le mangrovie

Organizza una passeggiata nel grande tunnel di mangrovie del Jozani Chwaka Bay National Park, l’unico parco protetto di Zanzibar che ospita diverse specie animali uniche dell’isola. Puoi vagare nelle fitte foreste per cercare il colobo rosso e le scimmie di Skyes. All’interno del parco vive il timidissimo leopardo di Zanzibar, un gattone che non trovi da nessun’altra parte della terra. Il Parco è un paradiso per gli appassionati di uccelli.   

Cosa fare a Zanzibar

una giornata a Tumbatu


Prova ad organizzare una giornata a Tumbatu Island, isola di pescatori nomadi, di contrabbandieri e di magia nera. Farai fatica a trovare un passaggio sull’isola, dovrai chiedere il permesso per poter sbarcare sull’isola al capo del villaggio, ma quando arriverai tornerai indietro nel tempo di un centinaio d’anni. Gli abitanti sono fieri e conservatori e praticano ancora spiritismo e magia nera.

Cosa fare a Zanzibar

un paio di giorni di distanziamento

Preparati per un paio di giorni di bagni, immersioni, cucina di pesce e relax sull’isola privata di Chapwani per ricordarti che sei in vacanza e meriti il miglior trattamento possibile. Su quest’isola con pochi bungalow e tanto spazio e silenzio, recuperi forze ed energie. Le spiagge bianche, le bianche lingue di sabbia che finiscono nel mare azzurro tra il verde della vegetazione sono la miglior cura antistress del mondo.

Cosa fare a Zanzibar

lasciati trascinare

La vita a Zanzibar è molto semplice e lenta e questo è un grande vantaggio perchè hai tanto tempo per organizzarti, conoscere le persone del luogo, scambiare pareri e informazioni con altri turisti e crearti il tuo viaggio ideale. A Zanzibar si va a fare poco e soprattutto mare, ma alcuni luoghi ed esperienze sono unici e rari. Ho provato a lasciarti qualche consiglio, ma spero che allungherai la lista lasciando nei commenti altri utili suggerimenti.

Share



19 Comments

Sogno un viaggio a Zanzibar non so da quanto tempo, ma questa sera mi è sembrato di esserci guidata dalle tue parole. Bellissimo articolo!

Reply

Zanzibar è un viaggio semplice, facile, economico e soprattutto bellissimo.

Reply

Leggendo il tuo articolo mi è subito venuta voglia di scoprire Zanzibar. Di cose da fare e vedere ce ne sono tante. Sicuramente opterei per il blue safari e una passeggiata tra le mangrovie, dove potrò divertirmi a fotografare le scimmie di Skyes.

Reply

Sarebbe splendido poter ricominciare a viaggiare realmente, non solo con i sogni.

Reply

Ho letto questo articolo e ho capito che partirei immediatamente per un luogo come questo!!! Non vedo l’ora di ricominciare a viaggiare!

Reply

Andrei ovunque in questo momento. Speriamo di ripartire presto!

Reply

A leggere questo post mi è venuta voglia di partire all’istante. Mai come ora, con questa pandemia e tutto lo stress, anche emotivo, che ne comporta, avrei il desiderio di partire per un viaggio simile e rigenerarmi con il mondo.

Reply

Vengo anche io. Subito!

Reply

Zanzibar è un’isola stupenda e dal vostro post emerge tutta la sua bellezza!

Reply

Zanzibar fa tutto da sola! È uno spettacolo!

Reply

Wow! This looks like a very beautiful place to visit 🙂 I wanted to “Like” the post, but it showed “Caricamento…”

Reply

I have a problem and can’t solve it! I hope to do it soon. Thanks!

Reply

Thanks, Paola 🙂

Reply

Il tuo racconto mi ha fatto riconciliare con un’isola che ha deluso le mie grandi aspettative. Sognavo l’isola dei racconti che leggevo e ho trovato un luogo molto turistico e caotico. Il tempo non è stato di aiuto con una pioggia torrenziale per gran parte del soggiorno. E dopo essere arriva dalla Tanzania anche i masai a guardia delle spiagge mi sono sembrati solo un’attrazione turistica. Il mare però me lo ricordo bellissimo. Credo che se tornassi potrei apprezzare il lato giocoso e rilassante che tu descrivi

Reply

Anche io provenivo dalla Tanzania e appena arrivata mi sono sentita come te presa dalla morsa del turismo “italian style”. Per fortuna ho cominciato a girare per l’isola ed ho scoperto tantissimi aspetti positivi. Ho avuto poi la fortuna di conoscere una coppia di residenti che mi ha “illuminato” su alcuni aspetti dell’isola, soprattutto il lato giocoso e rilassante appunto.

Reply

Adoro leggere di luoghi che conosco appena, magari sentiti solo nominare e che regalano un senso di meraviglia parola dopo parola. Angoli di mondo che ora più che mai avrei il desiderio di scoprire.

Reply

Zanzibar non è così lontana nè così proibitiva. Non servono visti o vaccinazioni. È un viaggio semplice: ti auguro di andarci presto!

Reply

Questo articolo mi ha fatto semplicemente sognare, Paola! L’ho letto con l’avidità (e l’ingenuità, visto il periodo…) di chi davvero è in procinto di partire e deve prendere più informazioni possibili per rendere la propria vacanza indimenticabile. Zanzibar deve essere uno spettacolo e i tuoi consigli per farne esperienza davvero unici. Ne farò tesoro a tempo debito…;)

Reply

Spero che tu riesca a partire prestissimo!

Reply

Aspetto la tua opinione!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: