Cosa vedere a Ustica – sopra e sotto il mare

Grande vita subacquea

poca vita mondana

Le cose da vedere a Ustica sono soprattutto sotto la linea dell’acqua, per i sub o anche per chi si limita a fare snorkeling, nuotando tra le acque cristalline con maschera, boccaglio e pinne. Non c’è una grande mondanità: vita e alloggi sono semplici. Perché allora andarci? Cosa c’è da vedere a Ustica di così bello? Ci si va soprattutto per le meraviglie del mare.

Dove si trova Ustica?

perchè andarci?

Ustica è spuntone di roccia lavica solitario e straordinario, che si innalza poco distante da Palermo. Picchi, scoscendimenti, anfratti, grotte a cunicoli rendono i suoi fondali unici al mondo per la bellezza della flora e della fauna, arricchite dalle correnti, gonfie di plancton, provenienti dall’Atlantico attraverso lo Stretto di Gibilterra. Puoi vedere a Ustica oltre il 50 per cento della specie marine che popolano il Mediterraneo.

I fondali di Ustica

cosa vedere sott’acqua

Sui fondali di Ustica, coralli e madrepore hanno forme e colori incredibili, le gorgonie si sviluppano lungo le pareti rocciose come alberi di una foresta. Tutt’attorno una moltitudine di pesciolini colorati che anticipano le meraviglie delle barriere coralline del Mar Rosso, qualche centinaio di chilometri più a sud, sottolineando il carattere subtropicale dei fondali. Nuotando sott’acqua, s’incontrano pesci spada, tonni, ricciole, banchi di alici e murene. Ma soprattutto cernie, animali simbolo di Ustica, anche se quelle, pur grandi, di oggi sembrano piccole rispetto alle prede giganti che fecero la fama di questa isola. Non è difficile vedere a Ustica i barracuda, altrettanto combattivi di quelli tropicali.

Da antico confino

a Riserva naturale

Un tempo Ustica era un’isola nota unicamente come luogo di confino. Tutti i condannati per reati comuni e confinati politici venivano esiliati a Ustica, dando all’isola una fama sinistra. La cosa positiva era che ciò produceva benessere agli usticesi perchè erano esentati dalle tasse e in più avevano a disposizione manodopera gratuita, visto che il rapporto era di due confinati per abitante. Nel 1958 però, la previsione della chiusura del confino (prevista per il 1961) terrorizzava gli abitanti perché il loro benessere sarebbe finito e la loro vita cambiata. Serviva dare un nuovo aspetto all’isola, richiamare turisti con qualcosa da vedere a Ustica.

La Rassegna

delle Attività subacquee

E l’idea brillante arrivò a un subacqueo appassionato, che nel 1959 presentò a Ustica la prima Rassegna di Attività Subacquee, aprendo la strada a centinaia di amanti del mare pronti a vedere Ustica sotto il livello dell’acqua. A Ustica cominciarono ad arrivare scienziati, biologi, tecnici, sportivi, giornalisti, scrittori, pionieri della cinematografia subacquea, semplici appassionati, trasformandola in una specie di università del mare. Nel 1981 nacque il percorso di seawatching in un tratto di mare protetto. In seguito divenne una delle più belle riserve marine italiane.

Un po’ di mare per tutti

esperti e principianti

La Riserva non solo ha il merito di tutelare l’ambiente, ma anche quello di rendere accessibili i fondali a chi non ha dimestichezza con bombole e respiratori. Se vuoi vedere Ustica sotto il mare, puoi unirti a itinerari guidati per amanti dello snorkeling che, con maschera, boccaglio e pinne, possono nuotare in mezzo a banchi di saraghi e osservare da vicino cernie e murene.

Spiagge e grotte

alternative “asciutte”

A Ustica non ci sono spiagge, se non le minuscole baie di ciottoli dei Faraglioni e del Passo della Madonna, o il Fossazzo, piccola e profonda piscina naturale, dai fondali coloratissimi, che si apre nella scogliera ai piedi del faro di Punta Cavazzi. Così per godersi il mare, anche se non si è subacquei, conviene affittare una barca: ci si può rivolgere al porto e si possono organizzare uscite o giri guidati intorno all’isola sostando nei posti più belli. Solo via mare, del resto, si possono esplorare le grotte che si aprono numerose lungo la scogliera. Quella dell’Oro prende il nome dalle pagliuzze dorate chi ne ricoprono la volta. Alla grotta Segreta, un caleidoscopio di forme e colori sullo sfondo rosato dovuto alla presenza di una rara alga, si arriva attraverso un anfratto sottomarino, con la bassa marea anche a piedi. E non mancano una grotta Verde, dall’acqua limpidissima, e una grotta Azzurra, che nulla ha da invidiare a quella più celebre di Capri.

A spasso per il paese

tra dolci e granite

Per chi vuole dimenticare l’automobile (nelle strette viuzze del paese il traffico è davvero caotico e il parcheggio inesistente) ci sono piccoli autobus arancioni che fanno il periplo dell’isola partendo ogni mezz’ora dal Comune. Dominato da una parte dalla torre di Santa Maria, dall’altra dalla Falconiera, Ustica paese digrada verso il porto con una massa confusa di case. Cuore del borgo è Piazza Umberto I, nella zona alta, chiusa alle spalle della chiesa in leggera pendenza verso il mare e il porto. Si trovano qui sia il Centro di Accoglienza della Riserva Marina, sia, dalla parte opposta, la casetta rosa che ospitò il confinato Antonio Gramsci. Alla sera, quando la piazza è chiusa al traffico è piena di tavolini e si trasforma in un grande salotto all’aria aperta dove si gustano sublimi granite al caffè, arancia, limone o gelso e pasticceria siciliana come le indimenticabili cassate e il gelo di melone, dolce d’origine araba vecchio di mille anni.

Museo archeologico

e Ustica dall’alto

Nella Torre di Santa Maria, il Museo Archeologico, raccoglie reperti trovati in buona parte da Carmelo Seminara, frate cappuccino, parroco dell’isola per oltre 50 anni. Gli appassionati del tempo non dovrebbero trascurare il Villaggio preistorico dei Faraglioni, con resti di oltre 200 abitazioni fortificate da una lunga muraglia di pietra. Poi c’è la necropoli della Falconiera è un punto panoramico da dove Ustica si abbraccia in un solo colpo d’occhio. Un patchwork di campi e vigneti sulla terra rosso-bruna. In mezzo spuntano le case isolate, molte delle quali disponibili per l’estate.

Ustica non è per tutti

rocce e silenzi

Scegliere Ustica per una vacanza è una scelta molto particolare. Devi amare profondamente il mare, i silenzi e i paesaggi lunari, pieni di fascino e storia. Sarà una vacanza atipica, vicino al mood siciliano e alle sue tradizioni, ma sicuramente indimenticabile.

Share



45 Comments

Siamo amanti del mare! Io faccio semplicemente snorkeling ma il mio compagno ha seguito dei corsi di sub (in apnea). Appena gli parlerò di questo posto, che sinceramente non avevo mai preso in considerazione, ne sarà sicuramente entusiasta!!! Articolo molto interessante

Reply

Il mare sotto è meraviglioso. Se ti piace esplorare sott’acqua è un vero paradiso.

Reply

Prendo nota per la prossima volta che andrò in Sicilia. La scorsa estate ci sono stata per quasi un mese, ma Ustica purtroppo è rimasta fuori dell’itinerario, più che altro per una questione di tempo… Non faccio immersioni, ma immagino valga la pena anche per chi fa solo snorkeling, giusto?

Reply

Le spiagge sono poche e devi camminare per raggiungerle. Lo snorkeling è meraviglioso ma per i sub è un paradiso.

Reply

Semplicemente fantastica anche se porta alla memoria brutti ricordi…

Reply

Purtroppo. Una tragedia simile non si dimentica, nonostante la bellezza dell’isola.

Reply

Eppure non se ne parla quasi mai

Reply

Sono ormai passati troppi anni. Purtroppo ci si dimentica degli errori

Reply

E anche delle eventuali responsabilità. Purtroppo.

Reply

Soprattutto!

Desidero andare a Ustica da tempo e ammirarla dal mare credo debba essere un’esperienza indimenticabile!

Reply

Esatto, indimenticabile.

Reply

Ustica è un sogno!! Vorremmo tanto organizzare una settimana sull’isola! Chissà magari a fine settembre 2021 se si potrà! Adoriamo lo snorkeling e le isole un po’ selvagge… credo ci piacerà moltissimo!

Reply

Ustica è per vacanze siciliane genuine e vere. Una meraviglia!

Reply

Grazie! Partirei subito, non ci sono mai stata ed è nella mia wishliist

Reply

Se ami il mare vero e forte è un luogo meraviglioso.

Reply

Ecco, se non fosse bastata la bellissima descrizione del post a farmi venire voglia di partire, il tuo ultimo paragrafo mi ha convinto che Ustica è proprio il mio posto: silenzio e mare il binomio perfetto! Quando sono stata a Lampedusa tanti anni fa, i turisti più esperti raccontavano della meraviglia dei fondali di Ustica e da allora il nome dell’isola è diventato per me sinonimo di immersioni avventurose tra l’altro non avevo idea che ci fossero anche i barracuda.

Reply

Ustica ha fondali pazzeschi, che vedi anche solo facendo snorkeling. Barracuda? Tantissimi!

Reply

Rocce e silenzi? Allora fa per me. Dolci e granite? Ancora di più (la pasticceria siciliana è la mia preferita al mondo). Dev’essere bellissima, anche se la sua fama è legata, purtroppo, a una tragedia. Visitarla è sicuramente un modo per collegarla alle sue bellezze sottomarine e non.

Reply

Purtroppo rimarrà legata all’incidente aereo per sempre: ma è molto di più. È un’isola bellissima.

Reply

Certo che leggere questo articolo e vedere le foto dell’acqua cristallina, in una fredda giornata di gennaio come oggi, mi fa soffrire un pò. Non sono mai stata ad Ustica, ma a giudicare dai tuoi scatti e dal tuo racconto, sembra davvero una meraviglia!

Reply

È il posto ideale per una vacanza vera e genuina. Da provare.

Reply

Dalla tua descrizione credo mi potrebbe piacere! Sempre di più, ormai, sono alla ricerca di mete un po’ defilate dove il silenzio e la natura regnino sempre sovrani. Poi io la Sicilia la amo sempre. Per non parlare delle granite!

Reply

Ustica è “la” vacanza siciliana. Da provare, se ti piacciono le cose autentiche e genuine.

Reply

Hai ragione non è un’isola per tutti, così aspra e selvaggia. Io però la vedrei molto volentieri, m’ispira il fatto che sia poco battuta e così naturalmente intatta

Reply

C’è sempre pochissima gente. È per turisti strong.

Reply

Ma che particolare ed interessante deve essere Ustica! Tutti la conosciamo tristemente per la strage e dimentichiamo quanto sia bella e ricca di meraviglie, sopra e sotto il mare!

Reply

Purtroppo deve convivere con una tragedia. Non possiamo dimenticare, ma Ustica è anche molto altro.

Reply

Molto bello!!!

Reply

Bellissimo!

Reply
Reply

Potrebbe essere la meta idea per le prossime vacanze. Io adoro il mare e da tempo tempo vorrei fare una nuova esperienza subacquea, per cui, mi sembra perfetta. Se poi, ci aggiungo una visita di Palermo….si! mi piace come idea!

Reply

Bellissimo programma. Consigliatissimo!

Reply

Già la definizione che hai dato mi ha colpita molto: a me non interessa affatto la vita mondana, ma mi interessa moltissimo quella subacquea, e questo per me sarebbe un ottimo motivo per visitare Ustica.

Reply

Vacanza molto strong, solo per chi ama camminare e nuotare in solitudine. Insomma, meravigliosa!

Reply

Non ho mai pensato ad Ustica come meta turistica, forse perchè mi ha sempre ricordato fatti più tristi. Tra l’altro adoro fare snorkeling e i fondali di Ustica sembrano spettacolari. Ci farò un pensierino per il prossimo anno…

Reply

I fondali di Ustica sono un vero spettacolo. Purtroppo deve convivere con il ricordo di una terribile tragedia.

Reply

Eccoci. Noi siamo follemente amanti del mare. E sicuramente riuscire ad esplorare i fondali di quest’isola meravigliosa sarebbe un esperienza incredibile per noi. Bellissime le vostre foto, e preziosi i consigli per una visita.

Reply

Ustica è un’esperienza forte e meravigliosa. Da provare se vuoi imparare ad amare il vero mare.

Reply

Ustica la immagino impervia e affascinante, un posto per veri lupi di mare, solitaria e selvaggia. Mi piace da matti fare snorkeling, parteciperei volentieri a un tour in barca organizzato …e poi la sola presenza di alloggi semplici farebbe proprio al caso nostro. Si è capito che io e mio marito siamo team antimovida, per caso? Ahahaah! 😉

Reply

Sicuramente è la vostra isola. Si va a letto alle 9 e ci si alza all’alba. Pochissimi vacanzieri da “italian style” e solo turisti strong. Ma si sta da Dio!

Reply

Davvero un bel post, Ustica è sempre legata alla famosa strage, ma nessuno si ricorda mai quanto questa isola sia splendida. Foto splendide poi! Che voglia di partire!

Reply

Si, Ustica ha questa grossa ombra, purtroppo. E non possiamo neppure dimenticare.

Reply

Io Ustica l’ho scelta proprio perché cercavo un posto perfetto per regalare un’immersione subacquea al mio compagno. Abbiamo trovato una società di diving meravigliosa che mi ha aiutata a organizzare tutto il viaggio dall’inizio alla fine. L’immersione è stata fantastica, i piatti che abbiamo assaggiato neanche te lo dico, e abbiamo girato l’isola in motorino. Che posto magnifico!

Reply

Per chi fa sub Ustica è un vero paradiso. Io ho iniziato a guardare il mare da “sotto” proprio lì!

Reply

Aspetto la tua opinione!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: