Natale in catamarano – crociera in Madagascar

Natale sulle onde

In crociera in Madagascar

Chi non ha mai sognato di scappare da tutta la frenesia delle feste per ritrovarsi sulla sabbia calda di un’isola lontana? Per una volta è bello vivere un Natale diverso soprattutto se puoi portare con te le persone più care, lontano da creme al mascarpone e tavole imbandite. Lontano da neve e pacchetti da scartare alla luce delle candele. E perchè non scartare (ovviamente prima) un regalo diverso? Un volo e una straordinaria vacanza nel periodo più luccicante dell’anno: una crociera in Madagascar.

madagascar4

Si parte.

Dove navighiamo?

L’imbarco è a  Nosy Be, dove si aprono 300 miglia lungo la rotta delle spezie per esplorare le isole più dolci del canale del Mozambico. E’ una crociera tipica, quella di circa cinque giorni, a bordo di un catamarano, facilmente prenotabile anche dall’Italia, ma anche da molte agenzie del posto. L’itinerario nautico di solito si spinge a sud verso il gruppo delle sei isole Radama, note per la loro lussurenggiante vegetazione tropicale e per i tradizionali villaggi sakalava, ancora intoccati dal turismo.

madagascar3

Un’isola dopo l’altra

meravigliosi approdi

Prima isola è Nosy Iranja, con il suo spettacolare istmo di sabbia. Lungo la costa si cela e si risale il fiume Baramahamay, riparo naturale delle antiche rotte commerciali arabe in navigazione verso le Comores e Zanzibar. L’arcipelago Radama inizia propriamente a Nosy-Kalakajoro e raggiunge Nosy Ovy, l’isola più importante e abitata del gruppo. Antany Mora e Nosy Valha nascondono altri spettacolari ancoraggi tropicali animati dalle capanne dei piccoli villaggi locali. A nord di Nosy Be, la barca verso l’arcipelago Mitsio. Meno popolate ma di grande bellezza paesaggistica, il gruppo comprende quattro isole e decine di frammenti rocciosi, ideali per il diving. Nosy Tsara Bajina è famosa per le tombe dei nobili sakalava e per il piccolo resort omonimo.

madagascar2

Dalle spiagge ai baobab

Nosy Mitsio, l’isola più grande è il regno naturale delle mante, delle palme nipa e della più bella spiaggia dell’arcipelago. Nosy Lama è la più misteriosa, nasconde i villaggi nomadi dei pescatori di squali e la rara varietà di baobab Adansonia fony.

madagascar

Felici del regalo?

Un Natale diverso, con stelle vere e non di stagnola, con la luce del sole e non quella delle luminarie, baobab e non abeti. Per quanto Natale sia la mia festa preferita, avrei grandi difficoltà a decidere a quale luccichio dare più attenzione…

 

Share



2 Comments

Che meraviglia. Il Madagascar sembra così selvaggio. Oltre al mare stupendo, ciò che mi incuriosisce di più sono proprio i baobab.. visti da vicino devono essere stupendi!

Reply

Il viale dei baobab è davvero impressionante. E il Madagascar è meraviglioso.

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: