La Grecia salentina – il Salento greco

Benvenuti nella Grecia salentina!

o nel Salento greco?

Kalos irtate”: benvenuti. Benvenuti in Grecia. I cartelli per strada indicano che stai entrando nella Grecia Salentina, antica comunità della Puglia, tutelata dalla legge italiana sulle minoranze linguistiche storiche. In totale sono 11 paesi, di cui 9 ellenofoni, che conservano forti tracce di cultura e lingua greca. I paesi sono Calimera, Castrignano dei Greci, Corigliano d’Otranto, Martano, Martignano, Melpignano, Soleto, Sternatia e Zollino. I comuni di lingua italiana ma griki di origine sono Carpignano Salentino e Cutrofiano.

Parliamo il griko

Una lingua ormai dimenticata

Non aspettatevi un’enclave linguistica: oggi il griko non è più una lingua di comunicazione. Solo pochi anziani lo parlano ancora e i giovani non lo hanno mai imparato. La scuola, i nuovi mezzi di comunicazione, l’emigrazione hanno influito pesantemente alla graduale scomparsa del griko. Se ormai è una lingua morta nella quotidianità, sopravvive invece nella musica, nelle arti e nella tradizione della Grecia Salentina. Ne è un esempio la Notte della Taranta, a Melpignano ogni anno ad agosto. E’ il più grande festival della “pizzica”, musica e danza che rievocano il morso della tarantola, un atto liberatorio nel folclore salentino.

Come è arrivato il greco qui?

si dice che…

Le origini dell’isola linguistica ellenofona sono incerte: per alcuni storici c’è una radice magno-greca; altri propendono per una derivazione bizantina, altri ancora rivendicano l’innesto di elementi bizantini su una preesistente matrice magno-greca. Un’altra teoria la riconduce invece alla tradizione mortuaria israeliana. La loro presenza in Salento si fa risalire all’opera dei monaci basiliani e italo-greci, rifugiatisi qui per le lotte iconoclaste. In ogni caso questa zona è uno scrigno di arte bizantina, ricca di cripte affrescate, sviluppatesi come luoghi di culto. Tra le principali cripte, Santa Cristina a Carpignano Salentino con gli affreschi più antichi del Salento (Xsecolo), San Sebastiano e San Petro a Sternatia, Sant’Onofrio a Castrignano dei Greci.

 

Il museo della cultura grika

per ricordare e rivivere

A Calimera possiamo visitare il Museo della cultura grika, dove sono esposte raccolte di oggetti di cucina, costumi popolari in cartapesta, indumenti da bambino, artigianato e ricami. Vi sono anche una biblioteca, l’emeroteca e una mediateca.

Benvenuti in Grecia

benvenuti in Salento

Un paese nel paese, diverso per atmosfera e architettura. Un nostro paese, di cui di certo vantarsi, per l’arte e la cultura con origini antichissime e per il mare, limpido e con tutte le nuance dell’azzurro.

Share



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: