L’isola di Linosa – figlia del fuoco

Ciliegina su una torta

tutta italiana

L’isola di Linosa è la cima emergente di un vulcano sommerso, un’isola nera e selvaggia nel mare turchese. Il caldo, i profumi, la luce accecante sono uno spettacolo talmente forte da lasciare frastornati e storditi. E’ una terra magica, dai mille contrasti: il nero della roccia vulcanica, il verde dei campi, l’arancio cupo dei pendii, il blu intenso del mare, i colori delle case. Difficile non rimanere incantato: è un piccolo mondo colorato a parte, ciliegina su una torta tutta italiana.

Origini antiche

e fiori profumati

L’isola di Linosa è molto diversa dalla vicina Lampedusa, si pensa che l’isola sia emersa nel Quaternario antico e sia congiunta a Pantelleria da una colata lavica sottomarina che arriverebbe a 50 metri di profondità. Le sue origini vulcaniche e le eruzioni che l’hanno creata sono visibili ovunque. Il paesaggio dolce, fatto di avvallamenti e pianure, è una distesa di verde, perché il suo terreno, ricchissimo di minerali, è molto fertile. L’isola di Linosa è ricca di coltivazioni particolari: è la terra del cappero, con cortine di fiori profumati che si arrampicano sui muri, dello zibibbo, un’uva speciale che produce vino da dessert, delle lenticchie con cui ci cucinano ottime zuppe, e di more gustosissime. Ovunque, filari di fichi d’India, usati dai contadini come barriera frangivento, il cui frutto carnoso era una volta mangime per vacche che producevano, per questo, carne dolcissima.

Niente auto

solo motorini

L’isola di Linosa è piccola, la si abbraccia con un solo sguardo, la si gira in motorino sfrecciando nel vento caldo. Circola qualche macchina, ma qualsi esclusivamente quelle locali. Anche perché da giugno a settembre è proibito sbarcare automobili sull’isola. In paese si trova quasi tutto, tranne l’acqua e il carburante che sono limitati. Sull’isola di Linosa si abbandonano i ritmi frenetici della città per cadere in un sano torpore, e lasciarsi trasportare dai ritmi del mare.

Il canto degli uccelli

musica e lamento

Le berte cantano continuamente sull’isola di Linosa: un lamento continuo simile al pianto di neonato che in estate rompe il silenzio fino alle prime luci dell’alba. Sono uccelli pelagici che vivono in mare aperto e si avvicinano a terra solo durante il periodo della riproduzione. Con 10 mila coppie di berte, questa è una delle colonie più numerose del Mediterraneo. Se si è in barca al tramonto si vedono arrivare da ogni parte e posarsi sul mare, cullate dalle onde. Ma il vero spettacolo è quando si alzano tutte insieme in volo disponendosi in formazione a delta.

 

Noleggia una barca

goditi il mare

Fare il giro completo dell’isola di Linosa, via terra o via mare, è un’esperienza da non perdere. In barca è più comodo e scenografico, ma i luoghi più suggestivi sono raggiungibili quasi tutti a piedi. Cala Pozzolana o cala Ponente, è una delle due spiagge sabbiose dell’isola, con sabbia nera ottenuta da pietra lavica e cenere ingentilita da profumati gigli marini. Qui la tartaruga caretta caretta depone le uova. La parete sovrastante, un resto di cratere spezzato che precipita in mare, al tramonto diventa dorata. La strada che da cala Manarazza porta ai Faraglioni si snoda per buona parte sulle colate laviche di monte Rosso, che continuano sott’acqua con spettacolari archi sommersi. Da non perdere sul percorso la Piscina Naturale, una profonda pozza di acqua salata comunicante con il mare aperto attraverso un tunnel lavico sottomarino. Ma punta Beppe Tuccio e i Faraglioni sono i tratti più scenografici per il piccoli isolotti che delimitano una laguna dalle acque profonde, trasparenti e riparate dal maestrale.

Quattro passi

sulle scogliere dell’isola di Linosa

Monte Nero e Monte Vulcano sono passeggiate bellissime, raggiungibili attraverso sentieri forestali. un’ottima posizione per l’osservazione con il binocolo degli uccelli in migrazione, dai falchi pecchiaioli alle poiane, dalle albanelle ai gheppi. Scendendo si ammira dell’alto la spettacolare scogliera dei Fili, una falesia di tufo raggiungibile solo in barca.

Dormire all’ isola di Linosa

serve capacità di adattamento

A Linosa tutto è intenso, Basta guardare le facciate delle case, di pietra lavica intonacate con colori decisi, bianco, giallo, ocra, azzurro, rosso, che si snocciolano in fila lungo il piccolo paese. E’ la bellezza e l’unicità di una vacanza sull‘isola di Linosa, dove gli alberghi sono pochi, immersi nella natura e nei suoi profumi intensi. Puoi cercare di affittare una casa, magari facendoti aiutare da Airbnb, Le sistemazioni sono decorose e semplici, con il minimo indispensabile di confort, ma sono comunque impagabili la vista, le terrazze, i giardini, il silenzio.

Poca gente a Linosa

tanto silenzio

Sull’isola di Linosa vivono solo 500 anime e in estate il paese ospita circa 2000 persone. Ma l’isola non è mai troppo affollata: qui il turismo è speciale. Non esiste la mondanità, notti brave o gente chiassosa. A Linosa si viene per stare in silenzio, fuori dal mondo su uno scoglio in mezzo al mare. Compagni ideali sono le buone letture e la musica di sottofondo.

Giornate meravigliose

sull’isola di Linosa

La sera, quando le barche da pesca rientrano al porticciolo, si vede quanto questo mare è ricco di pesce. Dal mare direttamente in padella nei pochi ristoranti dell’isola. E per dessert? Ottimi i gelati e le granite ai gelsi e fichi d’india. E poi tutta la notte con la sua musica a farti compagnia. E domani è un altro meraviglioso giorno.

 

Share



37 Comments

LINOSA… che bella!! Mi piacciono le isole piccole, quelle che si girano facilmente anche a piedi. Quest’anno siamo state a Procida, ma rispetto a Linosa credo sia molto più viva. Dico la verità, mi piacerebbe passare qualche giorno in un posto come questo dove si ascolta solo il rumore della natura.

Reply

Non c’è davvero nulla e nessuno. Deve piacerti molto la tranquillità…

Reply

quando ti leggo trovo sempre spunti molto interessanti. Tra l’altro in questo momento, dalla mia finestra, i colori che vedo non sono quelli che vorrei vedere. Sei riuscita a trasportarmi in un posto meraviglioso!

Reply

Grazie! Anche i viaggi virtuali servono a superare i periodi “stanchi”. Torneremo a viaggiare tra i colori presto! (Spero…)

Reply

Un angolo di pace e tranquillità che non conoscevo affatto; ottimi consigli. Quello che ci vorrebbe per ricaricarsi dallo stress cittadino, grazie per le dritte

Reply

Lì ti ricarichi di sicuro!

Reply

Non conoscevo affatto quest’isola e ho letto pertanto con interesse l’articolo. Mi piace molto l’idea che non ci siano auto nei mesi estivi e che ci si debba adattare a ritmi decisamente più lenti. Meta ideale per il relax ma con tanta meraviglia naturale attorno.

Reply

A Linosa davvero non c’è nulla. E’ un modo diverso di trascorrere le vacanze. O ti piace o lo odi.

Reply

Non sapevo che qui ci fossero le berte! Un motivo in più per me per visitare Linosa che è sulla mia lista da un po’! Piccola e particolare e forse anche poco conosciuta!

Reply

Linosa è piena di berte! Ci sono solo loro…

Reply

E’ un peccato che posti così belli siano così poco conosciuti. Linosa non ha nulla da invidiare alla più nota Lampedusa.

Reply

IL problema è che non c’è proprio nulla. Ma oltre ad essere un problema è anche un pregio, ma non per tutti. Per questo è poco conosciuta.

Reply

Mi sono ripromessa di vedere tutte le Isole della Sicilia, tra cui le Pelagie. Dai tuoi racconti Linosa è un isola selvaggia e tranquilla, proprio come piace a me.

Reply

Vale la pena vederle tutte. Sono molto diverse ma tutte bellissime.

Reply

Un’isola sicuramente poco nota, ma credo che meriti di essere visitata. Non so perchè, ma alcune tue foto mi hanno ricordato alcuni luoghi di Tenerife.

Reply

Effettivamente è molto simile. Ma il mare è più bello (orgoglio italiano…)

Reply

Quanti preziosi gioielli che abbiamo in Italia. abbiamo iniziato da poco ad esplorarne le regioni meridionali, e pian piano arriveremo anche alle piccole isole!

Reply

Sarà una splendida scoperta!

Reply

Molto poetico il tuo racconto che lascia percepire tutto il sapore mediterraneo di Linosa. Sono stata a Lampedusa (molti anni fa) e d effettivamente è molto diversa tranne che per le sfumature incredibili del mare e per quella sensazione di complementarietà con la natura che raramente si trova in altri luoghi

Reply

A Lampedusa c’è più movimento. Sono comunque paradisi tutti italiani

Reply

Non si sente molto parlare di Linosa, ed è un vero peccato, perché dalle descrizioni che fai sembra davvero un paradiso per chi vuole staccare la spina dalla routine!

Reply

Non ne parlano perchè non c’è nulla… E questo è il suo punto di forza.

Reply

Wow ma che colori meravigliosi che ha l’acqua che circonda questa isoletta! Sembra essere un posto davvero stupendo, mi piacerebbe vederla prima o poi..

Reply

Non è difficile: è tutta italiana!

Reply

Mi attira proprio dalla tua descrizione, un’isola selvaggia e davvero intensa, un altro pezzettino d’Italia da esplorare!

Reply

Un pezzettino d’Italia incontaminato.

Reply

Da come la descrivi Linosa deve essere un posto ideale per me: zero auto, silenzio e niente mondanità. Il paradiso in pratica. Se tornerò di nuovo in Sicilia non mi dispiacerebbe visitarla 🙂

Reply

Merita davvero.

Reply

Beautiful pictures! I’m seeing “Caricamento…” instead of the like-button, which I would click if it were visible. It’s been doing this for several days? Have a nice weekend.

Reply

Thank you! I am trying to solve the problem. Hope to do it soon!

Reply

Come ormai noto, esprimo qui il mio “mi piace”!

Reply

Grazie, ma a volte funziona e altre no. Alcuni riescono a mettere il “mi piace”, altri non riescono mai. Continuo a fare modifiche, ma non riesco a trovare il bug. Ti ringrazio!

Reply

Ti, e mi, auguro che tu riesca in qualche modo a risolvere. Altrimenti continuerò a mettere i miei “mi piace” verbalmente

Reply

Grazie! Sei gentilissimo

Reply
Reply

Ottimo reportage su questa isola che non è molto conosciuta ed apprezzata; oltre alle informazioni utili, ho apprezzato moltissimo le foto, deve essere un posto bellissimo e rilassante!

Reply

Rilassante è poco. E’ modalità slow motion!

Reply

Aspetto la tua opinione!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: