Una vacanza a Cavallino Treporti

Un po’ di mare italiano

Facciamo un quiz: qual è la prima spiaggia d’Italia? Rimini, bravi. Avete indovinato: era facile. Ma la seconda? Questa è la sorpresa. Il secondo litorale per numero di presenze è quello di Cavallino Treporti, con oltre cinque milioni e mezzo di turisti all’anno. Dopo aver scoperto il grande numero di turisti che scelgono il mare veneziano ho cercato di capirne i motivi. Perche tanta gente va in vacanza a Cavallino Treporti?

Sorpresa dopo sorpresa

Oltre alla quantità di persone, la vera sorpresa è la qualità ambientale di questa striscia di sabbia, lunga circa 13 chilometri e larga, in alcuni punti, oltre i 200 metri, sul bordo della Laguna Veneta, a due passi da Venezia. Fare una vacanza a Cavallino Treporti significa godere di una spiaggia intatta, mantenuta perfettamente naturale: già da aprile viene pulita per chi vuole stendere l’asciugamano e prendere il sole, e sono davvero pochi gli  stabilimenti balneari con sdraio e ombrelloni anche in piena estate. Alle spalle crescono pinete e boschi protetti, parte dello stesso ecosistema.

Pernottare nel verde

Tra le piante sono nati decine di campeggi molti dei quali sono più vicini come concezione a un villaggio vacanze che a un camping tradizionale. Offrono infatti come alloggi bungalow e roulotte fisse, che per comodità sono vere seconde case. Hanno negozi, ristoranti, animazione, servizio di bagnini, attività sportive, giochi acquatici, miniclub per bambini e persino aree wellness.

Natura, ma anche storia  e tradizione

Ma una vacanza a Cavallino Treporti non è solo mare. Dall’altra parte di apre la Laguna Veneta, un ambiente unico che conserva tesori naturalistici e tradizioni secolari. Si possono visitare borghi dimenticati come Le Mesole e Lio Piccolo. Ci sono numerosi itinerari ciclabili che spingono tra lingue di sabbia e barene,  i terreni che emergono solo in bassa marea, fino a più lontani casoni da pesca.

E per gli sportivi?

I più attivi sono in coda ai centri diving, ansiosi di esplorare le tegnue, le formazioni rocciose sui fondali che ospitano rare specie di fauna e flora. Dal porto turistico partono  molti tour e servizi di barche a noleggio per Burano, Torcello, San Francesco del Deserto, le più belle isole lagunari, molto più vicine a Cavallino Treporti che a Venezia (le prime due sono collegate a Punta Sabbioni e a Treporti da battelli pubblici), specie se si viaggia sull’acqua.

Una storia importante e visitabile

Durante la Prima Guerra Mondiale la Laguna Veneta si trovò sul fronte, ma per una volta, l’Italia era preparata. Gli alti comandi militari iniziarono nei primi anni del novecento a edificare moderne batterie costiere su questi litorali. E’ per questo che nella zona di Cavallino Treporti ci sono numerose fortezze, molte delle quali accessibili. Le più spettacolari sono a Lio Grande l’ex Forte Vecchio di Treporti e a Ca’ Savio la batteria Amalfi e la batteria Pisani.

 

Si parte?

Bastano pochi giorni, un budget ragionevole e si trascorre una vacanza tra natura, arte e storia. In fondo, perchè ci vanno più di cinque milioni di turisti ogni anno?

 

Share

Comments

comments

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.