Vacanze a Samanà nella Repubblica Dominicana

Vacanze lente

Le vacanze a Samanà sono per chi ama i movimenti lenti, morbidi e poco faticosi, al ritmo di musica latina davanti ad un mare spettacolare. Samanà è una destinazione a prova di sole, mare e cibo con la possibilità di vedere molto con il minimo sforzo. Le vacanze a Samanà sono un paradiso di spiagge dorate, foreste e cascate.  I francesi l’hanno  scoperta da tempo e come loro pittori, fotografi e scrittori: sono molti i bon vivant, residenti o vacanzieri. Samanà, sulla costa nord di Santo Domingo, è la Rimini dei Caraibi, mecca dei viaggi tutto compreso a ritmo di merengue, ma piena di natura e con angoli di buon gusto.

Jurassic Park

Ve lo ricordate? A Samanà sono state girate molte scene del film: chilometri e chilometri di spiagge dorate, piantagioni di cacao, una cordigliera che tocca i 600 metri di altitudine e il Parco Nazionale Los Haities, il più esteso dell’isola da visitare in barca lungo i canali. Una giornata intensa, in mezzo alla natura primitiva che urla e ti inghiotte, mentre aspetti che appaia qualche dinosauro da dietro le palme.

Nel verde e azzurro già all’aeroporto

Per arrivare a Samanà si atterra all’aeroporto di Portillo, sfiorando le palme, su una pista in riva al mare e torre di controllo tra i boschi. Sulle spiagge, un tempo rifugio di pirati della costa nord, sono innumerevoli le strutture alberghiere ed è davvero difficile scegliere. Ma dormire a Samanà è molto facile: sulla spiaggia di Las Terrenas ci sono moltissimi alberghetti di piccole dimensioni alternati a casette di legno in stile caraibico e baracchini con tettoie di foglie di palma, che offrono pesce al latte di cocco, conchiglie e tele naif haitiane. Sono molte anche le case in affitto, comprensive di cuoca e cameriera.  A Las Galeras, all’estremo ovest, ci sono invece alberghi molto romantici, con verande sul mare che promettono privacy assoluta.

samana1

Le sue spiagge

Una volta sistemati è necessario adeguarsi a pochi e irrinunciabili riti di Samanà: un bagno nelle spiagge più belle, El Rincon, cala Bianca, playa Colorado e la selvaggia Playita, dove convivono asini e cavalli in libertà. Sdraiati sulla sabbia si può pranzare con la frutta fornita dai guas guas, motocarrozzelle locali che scendono cariche di papaia, manghi e ananas, e prima di cena è d’obbligo un aperitivo con vista al tramonto. Un giro a cavallo nella sierra porta alla cascata El Limón, una parete d’acqua che precipita per 40 metri in una piscina verde.

A caccia di balene

Chi ha la fortuna di andarci tra gennaio e marzo, avrà la possibilità di vedere arrivare dall’Atlantico migliaia di balene: per osservarle basta raggiungere in barca l’isolotto di Cayo Levantado.

E ora… relax!

Abbiamo tutto, tutto ciò che serve per una vacanza rigenerante a stretto contatto con natura e armonia. Che sia un mese o una settimana da qui si torna abbronzati e rigenerati, senza troppa fatica. E relax sia…

Share



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: