VIETNAM: L’ALTRA MEDICINA. ACQUA DI COBRA E CORNA DI BUFALO

La lunga dominazione da parte del Celeste Impero e la presenza di un nutrito gruppo della diaspora cinese hanno fatto sì che in Vietnam mettesse profonde radici la medicina tradizionale cinese, la cui farmacopea, basata su ingredienti naturali provenienti dal mondo animale e vegetale, sembra sempre sospesa tra la magia e razionalismo, tra scienza e superstizione. Il risultato è che le farmacie tradizionali, presenti in gran numero in ogni città e in particolare a Hanoi e Ho Chi Minh City, hanno spesso l’aspetto di atri di stregoni e offrono in vendita preparati spaventosi.

viet

In Vietnam quello più popolare è l’elisir di lunga vita, una grappa di riso dalle mille applicazioni (antireumatico, afrodisiaco, antidolorifico, calmante, analgesico e così via) nella quale vengono messi a macerare serpenti di ogni genere (in particolare cobra), insetti, larve e ippocampi.

viet1

Altri ingredienti che costituiscono l’incubo delle organizzazioni ambientaliste (e anche i miei!) e il cui utilizzo smodato è responsabile della quasi estinzione di non poco specie animali sul pianeta, sono la polvere di ossa di tigre, le corna di bufalo, le zampe di leopardo, il corno di rinoceronte, i teschi e le mani di scimmia, le teste di coccodrillo, le lucertole e gli ippocampi essiccati, la polvere di formiche e le zanne di facocero.

viet5

Oltre ai preparati di erbe, polveri ed elisir vari, i vietnamiti hanno una classificazione particolare ed elaborata per malanni, cibi e malattie, per la quale ognuno diessi può essere caldo o freddo. Se una persona soffre di un disturbo freddo deve mangiare cibo caldo: ogni condizione determina cibi da assumere e cibi da evitare.

viet4

Sono ancora diffuse alcune terapie manuali come il cao gio e il bat gio. Il primo è lo strofinamento di una moneta sulla pelle unta di olio mentolato e cura raffreddori, dolori e influenza, il secondo è il pizzicamento del ponte del naso o del collo per curare mal di testa . Un’altra tecnica è quella del massaggio sottovuoto, utilizzato anche qui in occidente, per il quale si utilizza solitamente una tazza riscaldata e portata sulla pelle per procurare un vuoto d’aria.

viet6

Anche se la medicina occidentale ha preso piede e le cure mediche scientifiche sono sempre più utilizzate, nei vietnamiti rimane nostalgicamente la propensione all’utilizzo di metodi e usanze antiche. Al primo sintomo ricorrono immediatamente al cibo specifico o corrono dall’erborista. In fondo però non possiamo apprezzare il progresso di un paese se non ne conosciamo il passato e le usanze tradizionali.

viet2

 

 

Share



2 Comments

In che periodo dell’anno sei stata in Vietnam?

Reply

Sono stata due volte sempre in agosto. Tanto caldo, tanta umidità e qualche temporale serale. Facendo la risalita del Mekong (se non sbaglio a Vinh Long) ho trascorso una nottata con i secchi sul letto per arginare l’acqua proveniente dal tetto sotto un nubifragio incredibile. E a terra una moquette di blatte…

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: