CLARA COUTURE

clara

Dopo aver visto lo stand in fiera ho deciso di visitare la galleria bergamasca in compagnia di una futura sposa.

Una cosa positiva (o negativa) è che non è necessario prendere un appuntamento: mi sono presentata di sabato pomeriggio alle 16.00 e sono stata servita nel giro di un’ora.

Ti viene consegnato un grande catalogo da sfogliare così che tu possa scegliere con anticipo i modelli da provare: quando sarà il tuo turno saranno già ad attenderti in camerino.

Le commesse sono abbastanza sbrigative e poco propositive. Probabilmente il grande lavoro smorza lo spirito d’iniziativa: spesso si limitano a farti provare ciò che hai scelto senza proporti altro se non l’abito più caro dell’atelier. Sembra quasi che la loro massima preoccupazione si quella di capire se la prova finirà in un acquisto, per poter dosare le energie senza sprechi.

L’atmosfera è ben diversa da quella che si respira negli eleganti atelier del centro di Milano, ma se ciò si ripercuote negativamente sulla serenità della sposa, rasserena senza meno chi pagherà l’abito.

Le spose svolazzano dentro e fuori dai camerini e sembrano tutte abbastanza soddisfatte. Gli abiti che provano sono onestamente belli: l’assortimento comprende anche molte firme tra le più ambite, come Aire Barcelona, Pronovias, Nicole e altre di pari livello.

Il negozio è all’interno di una galleria completamente dedicata al matrimonio: oltre a Clara Spose c’è un negozio di abiti per lui, uno di bomboniere, un’ agenzia viaggi e un fotografo.

Installando una cappella nuziale e il service sarebbe completo…

clara1clara3

Share



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »