Gozo, l’isola di Calipso

Il mito

Quando la vedi da lontano, dal traghetto hai grandi aspettative, perchè stai andando a Gozo l’isola di Calypso, e se venne destinata ad abitazione di una dea non puoi non aspettarti grandi cose. Ulisse vi approdò e incontrò Calypso, figlia di Atlante, bellissima e immortale, che si innamorò follemente di lui tanto da trattenerlo sull’isola diversi anni. Calypso offrì a Ulisse anche l’immortalità purchè rimanesse con lei, ma lui rifiutò per il suo grande desiderio di tornare a Itaca. Il dio Ermes fu costretto ad intervenire per convincere Calypso a far partire Ulisse. Calypso abitava in una grande grotta, proprio a Gozo, e trascorreva il suo tempo con le sue schiave, anch’esse ninfe, cantando e filando, in un’oasi di pace tra scogli e mare azzurro. E’ il mito a rendere Gozo un’isola magica.

Il paradiso dei maltesi

Gozo, l’isola di Calypso è oggi l’oasi di pace dei Maltesi: 67 chilometri quadrati di terrazze coltivabili, rocce a picco sul mare e spiagge. La città principale è Victoria, ma il luogo più rappresentativo è la Cittadella fortificata, punto strategico situato proprio nel centro, a lungo considerato imprendibile da qualunque nemico. Forse lo era anche ai tempi di Omero: bella e inespugnabile, sotto il controllo divino in mezzo ad un mare azzurro.

Una chiesa dopo l’altra

La caratteristica più impressionante dell’isoletta, a mezz’ora di traghetto da Valletta (ma è in funzione anche un collegamento giornaliero in elicottero), è la massiccia presenza di chiese, quasi una per un chilometro quadrato, oltre che il sensibile scarto, rispetto a Malta, per quel che riguarda il tono generale del paesaggio, più verdeggiante e aperto e molto meno cementificato rispetto all’isola maggiore. Luoghi di fede e di sterminata natura, nessuna distrazione per quest’isola stregata.

Templi megalitici

Presso il villaggio di Xaghra sono situati i templi megalitici di Ggantja, tra i monumenti più straordinari dell’età preistorica nell’arcipelago maltese: enormi pietre che ricordano quelle di Stonehenge, ma risalgono a più di mille anni prima. Non solo il mito quindi, ma anche gli uomini preistorici dedicarono il loro tempo e la loro energia a costruire templi misteriosi e sacri, forse omaggio alla bellezza e alla quiete di questi luoghi. L’aspetto di alcuni punti di Gozo la rendono davvero magica.

 

La grotta di Calypso

E’ proprio nelle vicinanze di Xaghra, a strapiombo su Ramla L-Hamra, la più bella spiaggia di Gozo, si trova la Grotta di Calypso, identificata come il luogo di cui parla l’Odissea. La grotta è spesso chiusa per motivi di sicurezza, ma mi hanno garantito che la vista dell’antro non è così fondamentale. La camminata fino allo strapiombo è abbastanza pesante, ma la vista ripaga ogni goccia di sudore. Quando ci arrivi capisci perchè questo luogo è entrato nel mito, perchè ancora gli studenti lo studino o lo cerchino sulle mappe per identificare la casa di una dea bellissima. Ancora la immaginiamo così Gozo, l’isola di Calypso.

Share



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: