PERU’: IQUITOS, FIUME SELVAGGIO

Iquitos è un grande porto fluviale del Perù sul Rio delle Amazzoni, famoso per le crociere fluviali.

Iquitos è un crocevia di asiatici, i chinos, di indios della Selva, di meticci, di creoli, di quechua della Sierra, di europei e di gringos. Tutti avventurieri che popolano le notti di quella che è definita “la più grande regione forestale dei Tropici”.

In ogni caso a Iquitos l’inferno verde è a portata di mano. L’Amazzonia è dietro l’angolo, ma anche il degrado, i peccati e tutto quanto si tira dietro una grande città inserita in uno degli habitat più fragili del paese. E’ il regno dell’illegalità, il paradiso dei narcotrafficanti.

Ma l’estremo paradosso di Isquitos è che rappresenta il centro urbano più grande e popolato della terra non collegato da strade al resto del mondo. Perché non esistono vie di comunicazione che spingano fino a Iquitos. Ci si arriva solo con barche, navigando per almeno un paio di giorni, e aerei, con un volo da Lima.

L’unica carrozzabile si ferma a circa 60 chilometri,

eppure nelle sue calles circolano parecchie automobili, status symbol di improvvise e chiacchierate ricchezze, e un numero infinito di motociclette che fanno un baccano infernale e riempiono l’aria di gas di scarico. Un fiume ininterrotto e caotico che ogni giorno, dall’alba, occupa il Malecón Tarapacá e si spinge fino alla parte sudorientale di Iquitos, a Belén.

Belén ha case che galleggiano su zattere o poggiano su alte palafitte.

Lungo i suoi canali, passano battelli carichi di banane, ananas, canna da zucchero, legname, caucciù, pesce. Ma durante la stagione secca, da settembre a ottobre, il livello del fiume cala in media di 12 metri rispetto a quello massimo di aprile giugno. Da queste vie d’acqua allora, emergono strade ingombre di detriti. Ciononostante, nel loro centro si apre il mercato di Pasaje Paquito. E fra i richiami urlati dei venditori, gli spintoni dei compratori, e l’incedere lento dei facchini che risalgono l’argine del rio carichi dei sacchi enormi sbarcati dai battelli, si vende di tutto. Le merci più richieste sono le erbe medicinali e il chuchuhuasi, un forte analgesico e antidolorifico che in realtà pare che abbia effetti stupefacenti.

Poi denti di Piraña, corazze di armadillo, rane essiccate, viscere di coccodrillo, pelli di giaguaro, filetti di capibara e pelli di anaconda lunghe fino a 12 metri. Ma Pasaje Paquito è anche il centro di curanderos, brucos e sciamani che preparano pozioni misteriose e filtri d’amore contro impotenza e tradimenti.

Qui ecologisti, biologi, naturalisti, zoologi e backpacker si confondono nelle strade in terra battuta con i cercatori d’oro, i petrolieri, i narcotrafficanti e gli indios tatuati.

Ma alla sera ci si divide. Ognuno torna al suo posto e i turisti si rifugiano nei lodge costruiti sulle sponde del Rio delle Amazzoni, circondati dai castañas, i giganteschi castagni del Brasile i cui frutti vengono venduti dopo essere stati tostati e caramellati. Non è un film sono gli estremi della civiltà: oltre c’è la foresta.




2 Comments

Dev’essere un’esperienza pazzesca. In Perù ho visitato solamente Lima, Cusco e Machu Picchu, ma è stato proprio un colpo di fulmine. Credo anche che questa sia un’esperienza più autentica e meno battuta, quindi ne vale sicuramente la pena!

Reply

Credo sia stato il viaggio più faticoso della mia vita. Sono passati molti anni ma ancora me lo ricordo!

Reply
Lascia un commento

Your e-mail will not be published. All required Fields are marked

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: