Biarritz e la Costa Basca – movida francese

Un passato nobile

un presente giovane

Biarritz e la Costa Basca si trovano al confine con la Spagna e sono tornate di moda grazie a uno stile di vacanza giovane e dinamico: ottima cucina, vita notturna movimentata, lunghe giornate sulla cresta dell’onda con tavole da surf.  Vedi surfisti ovunque, con i capelli scoloriti dal sole e dalla salsedine, pareo annodato in vita e, sotto il braccio, la tavola da surf.

Il Biarritz Surf Festival

surfisti da tutto il mondo

Quando inizia il Biarritz Surf Festival, che si svolge solitamente a luglio anche se quest’anno è stato spostato a settembre, ne vedi a centinaia. Arrivano da ogni parte del mondo principianti e professionisti e si avviano in processione verso l’oceano. Questo evento trasforma Biarritz e la Costa Basca in un’isola hawaiana. Durante le giornate si svolgono gare e dimostrazioni di altissimo livello, ma anche concerti straordinari di bande rock.

Onde di giorno

fiumi di birra di notte

Le onde d Biarritz, scoperte dagli americani per primi, sono diventate ormai un’attrazione anche per chi non sbarca da oltreoceano. Qui si esibiscono campioni e amanti del surf in perfetto equilibrio su tavole che volano anche a 45 km l’ora sul mare. La sera, poi, si ritrovano tutti a bere birra, felici di vivere un’estate da leoni, tra spiagge bianche e locali a filo d’acqua.

Estate o inverno

bella sempre!

Biarritz, ex un villaggio di pescatori di balene, d’estate cambia volto: si riempie di vita e di colore, grazie ad un esercito di ragazze e ragazzi che possono trascorrere una vacanza all’insegna del divertimento diurno e notturno senza spendere una fortuna. D’inverno torna ad essere un elegante luogo di villeggiatura, un po’ malinconico ma tanto affascinante per la potenza del suo mare.

Eleganza e tradizioni

senza grande esibizionismo

La figura bianca del Casinò e l’eleganza dell’Hotel du Palais, affacciati sulla Grande Plage, riportano al primo Novecento, quando Biarritz contendeva lo scettro di località turistica à la page alla bella ma fredda Deauville, sulla Manica. Infatti, oltre alla moda del surf, di sapore californiano, la cittadina ha conservato una serie di tradizioni legate alla sua cultura basca. E uno stile di vita, sempre un po’ appartato e mai esibito l’esatto opposto dello stile Saint Tropez.

Hotel du Palais

fausti antichi

Ci sono numerosi alberghi, ma se sei un nostalgico della Belle Epoque ti piacerà senz’altro il lusso e la gran classe dell’Hotel du Palais, adagiato sulla Grande Plage, con saloni immensi, stucchi e décor d’epoca. Sia dalla camere sia dal giardino con la piscina si ha uno strepitoso colpo d’occhio sulla spiaggia, con i tradizionali tendoni rigati che ti riparano dal vento e i surfisti che sfidano le onde in acrobatiche evoluzioni.

Movida estiva

calma invernale

La vita notturna d’estate è abbastanza vivace e sono parecchi i locali dove tirar tardi. La movida basca, che risente della vicinanza con la Spagna, il confine è a meno di una trentina di chilometri, è fatta di bar con musica dove prendere un tardo aperitivo con tapas, o di ristorantini sulla spiaggia dove cenare e ballare fino alle prime luci dell’alba. D’inverno hai a disposizione una grande scelta di ristorantini per goderti la calda atmosfera e le squisite ricette basche.

La vera Biarritz

tra i vicoli del centro

Oltre ai locali notturni, per scoprire la Biarritz più autentica, basta inoltrarsi nei vicoli che si arrampicano verso i quartieri più vecchi, in cui si respira ancora l’atmosfera del borgo dei pescatori, con case dalla tradizionale architettura basca e travi di legno a vista. Non mancano però bizzarrie architettoniche, come abitazioni ornate di romantiche torri, ville moresche e déco. Cuore della città, Les Halles, il colorato mercato che si svolge ogni giorno. Sui banchi, prodotti tipici alimentari, come formaggi di capra e di pecora da accompagnare alla marmellata di ciliegie di Itxassou, salumi, peperoncini d’Espelette, cesti di frutta e di verdura, pesce e frutti di mare.

I dintorni di Biarritz

Perle della Costa Basca

Lasciata Biarritz e andando alla scoperta della Costa Basca, incontri Bidart. Come paese non offre molto, ci si va unicamente per le spiagge. La più suggestiva è la plage du Centre, una profonda lingua di terra inframmezzata da scogli dove si infrangono onde gigantesche. Pochi chilometri separano Bidart da Guéthary, un luogo di vacanza con case nascoste nel verde. Rientrando sulla statale, si prosegue per pochi chilometri fino a Saint-Jean-de-Luz, che, anche se non ha l’allure di Biarritz, resta pur sempre uno dei luoghi più autentici di tutta la costa, con le tipiche case bianche dagli infissi di legno rosso che si affacciano sulla Grande Plage. Un tempo importante porto per la pesca dei tonni, ora può contare solo su una quarantina di imbarcazioni. Un vero peccato, perché l’attività marinara ha contribuito a creare l’identità del luogo, comunque ancora il più basco di tutti i villaggi della costa. Il quartiere delle Halles lo dimostra con il colorato mercato del venerdì, durante il quale i contadini vendono la frutta, verdura e prodotti tipici delle loro campagne. Fissi tutta la settimana, invece, i banchi dei salumi tradizionali e dei formaggi.

Una costa splendida

tutta da scoprire

Una zona francese bellissima che si spinge all’estrema innovazione cavalcando le onde dell’Oceano mantenendo stretti i legami con il suo nobile passato. Un contrasto pazzesco, da vivere e provare in qualsiasi stagione dell’anno.

Share



22 Comments

Non sapevo che biarritz fosse stata scoperta da surfisti americani. Io ho potuto ammirarli sulle belle spiagge californiana mentre di esibiranno in spericolate acrobazie!

Reply

Beh, Biarritz è una piccola Half Moon…

Reply

Ciao Paola, complimenti per questo tuo post ricco di spunti interessanti. Conosco molto bene la Francia, ma non sono mai stata sulla costa basca francese, quindi a Biarritz, che mi incuriosisce molto. Sono stata, invece, nel giugno del 2018 nei Paesi Baschi e mi sono innamorata delle vaste spiagge piene di surfisti. Sicuramente quindi mi piacerebbe una cittadina come Biarritz, casomai la terrò a mente per la prossima estate.

Reply

Biarritz mi è piaciuta moltissimo, ma rispecchia lo stile della costa basca che hai già visitato. Avrei voglia di tornarci anche io!

Reply

Beh questa dovrebbe essere la metà delle vacanze del prossimo anno… speriamo!

Reply

Ho molti viaggi da recuperare non appena si potrà…

Reply

Peccato per l’imminente lockdown

Reply

Spero non proprio lockdown. Qualche restrizione però è necessaria.

Reply

Lo spero anche io Buona serata a te

Reply

Sinceramente preferisco Biarritz alla più blasonata Saint Tropez, sembra che il tempo si sia fermato agli anni Ottanta.

Reply

Sono dello stesso parere: Biarritz è meno costruita, più sincera.

Reply

Non conoscevo affatto questa zona e mi ispira un sacco! Sembra differenziarsi moltissimo dal resto del Paese… Quelle spiagge così sconfinate e quelle onde così lunghe mi hanno ricordato molto la costa del Portogallo e mi è venuta una gran nostalgia dell’oceano e del mare <3

Reply

Qui hai anche il vento dell’Oceano!

Reply

Non conoscevo minimanete questa parte della Francia e devo dire che mi ispira parecchio! Adoro poi quelle piccole “capannete” a righe, sono troppo carine! E poi i profumi, gli odori del mercato, la bellezza delle città costiere francesi.. Unica!

Reply

La costa basca è molto particolare, soprattutto molto ventosa, infatti le “capannette” servono a ripararti dal vento. Da vedere.

Reply

Questa è una zona di Francia che mi manca ma che ho già inserito in un itinerario tra quelli che vorrei fare appena possibile. Mi piace molto l’atmosfera che trasmette Biarritz diversa da altre località della Nazione. Mi sono segnata alcuni tuoi suggerimenti, grazie.

Reply

E’ una zona molto particolare. Non siamo abituati a questa atmosfera, ma ci mettiamo un attimo ad adattarci!

Reply

Looks wonderful!

Reply

Forse te l’ho già accennato in un’altra occasione: le mie vacanze estive in teoria dovevamo avere come meta proprio i Paesi Baschi e Biarritz sarebbe stata una delle tappe. E invece niente. Però ora mi hai dato un’idea che mi sembra ancora più interessante: visitare queste zone in inverno!

Reply

Ha il suo perchè. Atmosfera romantica in inverno, allegra e incasinata d’estate.

Reply

Biarritz e Anglet sono la nostra seconda casa. Ogni anno andiamo per circa una settimana, perchè adoriamo lo stile di vita delle due cittadine. Alloggiamo spesso al Thalassa, che ha uno splendido impianto termale con vista sull’oceano, e siamo entrambi amanti del surf… mi fa piacere che ti sia piaciuta l’atmosfera che Si respira da queste parti.

Reply

L’ho adorata. Ci tornerò appena possibile.

Reply

Aspetto la tua opinione!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: