Il mare di Zanzibar – a piedi nudi sull’acqua

Appare e scompare

lascia i tesori in vista

Il mare di Zanzibar è una vera magia. Appare e scompare lasciando tesori e segreti in vista con una cadenza misteriosa, che arriva dal cielo. Suggestiva e misteriosa, accogliente e prepotente, Zanzibar ti accoglie cullandoti con il suo mare, bellissimo e cristallino, e le sue spiagge invitanti. C’è molto da vedere e da sapere dell’interno, tra storia e cultura, ma il mare è la prima cosa che attira qui charter di turisti.

100_3850

Da nord a est

la costa delle maree

Sabbie abbacinanti, barriera corallina, acqua trasparente e palme sono la regola aurea del mare di Zanzibar nella costa est, quella che si affaccia sull’Oceano Indiano. Unica controindicazione: a causa delle maree, a settimane alterne si dovrà camminare nell’acqua per diverse centinaia di metri prima di poter fare un vero bagno. Fa eccezione, per il gioco delle correnti, la spiaggia di Nungwi, una delle più belle dell’isola, all’estremo nord, molto frequentata da nordeuropei. Il villaggio omonimo è anche famoso per i cantieri, dove i maestri d’ascia lavorano i dhow, le piroghe a bilanciere. E’ uno dei villaggi più suggestivi perchè unisce comfort di tutto rispetto alle tradizionali architetture dei pescatori. Inoltre è l’unico posto della costa nordorientale in cui si può assistere al tramonto sul mare.

Immagine 399

La costa est

spiagge e turisti

Proseguendo a sud il mare di Zanzibar si offre in tutta la sua bellezza ai turisti. Si incontrano l’isolata spiaggia di Matemwe, che si raggiunge percorrendo una strada sterrata, e quella lunga e bellissima di Kiwengwa, con i suoi negozietti di artigianato kenyota, sovraffollata di italiani perchè è la zona dove sorgono i principali villaggi vacanze. Suggestiva e poco frequentata la Chwaka Beach, sull’omonima baia interna (niente barriera, quindi). Poi quella davanti a Bwejuu, dove si pratica un buon snorkeling. A sud di Paje, principale centro di raccolta delle alghe, ci sono la bella spiaggia omonima e quella di Jambiani, frequentata anche dai viaggiatori che si fermano a Stone Town. Nella laguna di Kizimkazi è possibile noleggiare una barca e farsi condurre al largo, per fare il bagno con i delfini.

La vita di Zanzibar

storia e spezie

Una vita di mare quella di Zanzibar, costellata da molti tuffi nella cultura locale e tra le pietre coralline della capitale. Durante la tua vacanza farai un sacco di cose, come una visita alla foresta, o un giro tra le spezie o shopping nei mercatini dai nomi strani e italianizzati. Ma sempre in spiaggia si torna: il mare di Zanzibar è sempre il protagonista.

100_3847

Share



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: