I paladar dell’Avana

Vita particular?

E’ una vita particular, privata, quella che si vive all’Avana, particular è la paola d’ordine in città. Duecentomila cubani propongono servizi privati: dai taxi, guidati da ingegneri riciclati, alle case che sembrano colpite da una guerra che non c’è stata, in cui si affittano stanze, ma anche appartamenti. Tutto privato, quasi nascosto. Ed è meraviglioso integrarsi nella loro dignitosa quotidianità, respirare in quelle case con i cavi elettrici intrecciati sul soffitto.

cuba1

Ed ecco i Paladar

Nascosti come funghi i paladar, piccoli ristoranti autorizzati negli anni del periodo especial, il 1993, in cui l’isola ha conosciuto la più grande crisi della sua storia. Il nome “paladar” deriva da una telenovela brasiliana di grande successo a Cuba, in cui la proprietaria, per sbarcare il lunario, apre una trattoria che si chiama appunto Paladar, palato.

cuba3

Svariate identità

Molti paladar sono in palazzi sventrati con problemi di igiene ma molti altri sono vere oasi di buon gusto, in palazzi coloniali ristrutturati dove si prova la vera cucina criolla spendendo la metà che in un ristorante turistico, solitamente statale. E’ molto difficile spendere più di 25 euro a testa, anche nel più lussuoso e turistico paladar della città. A volte sono a vista, altre all’interno di case particular, nella sala da pranzo di una normale famiglia cubana.

 

cuba5

Dura lex sed… paladar!

Le regole dei paladar sono sono rigidissime: 12 tavoli al massimo, cuochi e camerieri rigorosamente della famiglia, niente complessi musicali. Vietata la carne di manzo, solo pollo o maiale, proibiti aragosta e gamberi, pescati in grande quantità nei mari cubani ma destinati all’esportazione o alle tavole dei ristoranti statali. In realtà i crostacei, e freschissimi, sono serviti abitualmente, basta chiederlo con discrezione all’ingresso.

paladar

Buon appetito!

Sta di fatto che con pochi dollari si consuma un pranzo in famiglia, chiaccherando con altri turisti o con i padroni di casa, sentendo il calore della vera Avana, magari sgarruppata, ma con un cuore limpido e caldo, come il suo rum.

 

cuba2

Share

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.