Come scegliere le partecipazioni di nozze

Una lunga dista di cose da fare

Prepara uno scadenzario

Ci siamo: i preparativi per il matrimonio incalzano e l’ansia sale. Un lungo elenco di cose da fare e da ricordare, una lunga serie di piccoli particolare e grandi problematiche da affrontare. Devi assolutamente preparare uno scadenzario per dare ordine e precedenze. In questo elenco, tra la scelta dell’abito, la location e l’elenco invitati, ci saranno anche le partecipazioni. Come scegliere le partecipazioni? Dove acquistarle? Quando spedirle? Per quanto sembri un dettaglio di semplice sviluppo, richiede invece attente riflessioni. Materiali, testi e tempistica sono i temi da esaminare.

Partecipazioni di nozze

Quante ordinarne? E chi paga?

È opportuno fare un elenco di invitati e coinvolti al matrimonio per poter determinare il numero di partecipazioni da stampare. Questo passaggio comporta il coinvolgimento di entrambe le famiglie che faranno in modo di non far dimenticare agli sposi nessuno dei parenti in vita. Il numero da comunicare alla tipografia è quindi subordinato al numero degli invitati. Il Galateo vuole che l’onere della spesa per le partecipazioni spetti alla famiglia della sposa.

L’importanza delle partecipazioni

lo specchio del matrimonio

Le partecipazioni hanno una funzione essenziale: annunciare una cerimonia. Pertanto, la loro immagine deve riflettere il tema e il tono del matrimonio. Da una partecipazione devi capire se si tratterà di un matrimonio classico o informale, se è necessario un dress code particolare e l’eventuale entità del regalo. Scegliere le partecipazioni significa quindi trasmettere al tuo invitato, con un po’ di grafica e qualche riga, l’essenza della cerimonia alla quale dovrà partecipare, per comportarsi di conseguenza. Al tema delle partecipazioni si allacceranno tutte le altre stampe, come ad esempio i menù o i segnaposto.

Dubbi sulle partecipazioni

Quando ordinarle? Quando spedirle?

Le partecipazioni sono l’avviso ufficiale della cerimonia e devono quindi arrivare con un giusto anticipo, per dar modo agli invitati di potersi organizzare. L’ideale sarebbe ordinarle almeno 3 mesi prima del matrimonio e inviarle tra i 60 e i 30 giorni prima del matrimonio. Se hai invitati che arrivano dall’estero, sarebbe meglio far arrivare l’invito almeno 3 mesi prima, perché organizzare il viaggio potrebbe essere più complicato e oneroso. Il Galateo dice che ai testimoni l’invito andrebbe consegnato a mano. In questo caso, ricordati di scrivere sulla busta nell’angolo in basso a destra, la dicitura SPM –Sue Proprie Mani– se l’invito è diretto ad un uomo, o S.GM –Sue Gentili Mani se è diretto ad una donna. Se la cerimonia avverrà in forma privata, le partecipazioni possono essere spedite anche a matrimonio avvenuto.

Sembra facile!

La scelta delle partecipazioni

Scegliere le partecipazioni sembra semplice: trovo una tipografia e mi faccio consigliare visionando le varie proposte già stampate per altri. Ma non basta un cartoncino qualunque per annunciare il tuo matrimonio. Deve anticipare il tuo grande evento, deve rispecchiare il tuo carattere e deve quindi esserne all’altezza. Esistono posti specializzati che studiano appositamente per voi le partecipazioni più adatte e ti consiglio vivamente di andare a visitarli, prima di effettuare ogni scelta. Oppure puoi rimanere sul classico, che non significa spoglio o poco personale: il classico ben fatto è molto difficile da trovare. E se cerchi il meglio devi andare dai migliori.

Scegliere le partecipazioni 

Il classico che non stanca 

Scegliere le partecipazioni classiche è sempre una bella idea: non stancano, sono eleganti, essenziali e semplici. Di solito sono stampate su cartoncino pregiatissimo, bianco o ecrù se il matrimonio si svolge di giorno, assolutamente bianco se si svolge di sera, piegato in due a libretto. La stampa è di solito in rilievo ed il carattere da utilizzare è il corsivo inglese nero (seppia se il cartoncino è ecrù), senza grafiche o decori. Il formato classico è 12,5X16,5 cm. Ricordati che l’indirizzo sulla busta deve sempre essere scritto a mano. Il corretto testo da scrivere lo trovi qui.

partecipazioni di nozze

Dove scegliere le partecipazioni 

Le tipografie più famose

Una delle tipografie più eleganti d’Italia è certamente Pineider, presente da nord a sud con alcuni negozi monomarca. Pineider offre moltissime proposte di partecipazioni, inviti, biglietti di ringraziamento per poter mantenere il medesimo tono e motivo in tutti gli “stampati” della cerimonia. Il segreto di Pineider è sicuramente la pregiatissima carta filigranata, tagliata a filo d’acqua e colorata esclusivamente con pigmenti naturali. Un altro nome famoso per la stampa delle partecipazioni è Pettinaroli, con sede a Milano. Il suo stile è molto sobrio, elegante e pulito. Forse si rimane un po’ spiazzati da questa austerità impostata, dalla semplicità geometrica, ma il punto di forza è la carta. Le carte si dividono in carte lisce in color avorio o bianche, carte a mano in color avorio oppure, più sofisticata, la carta di Amalfi, prodotta da stracci pressati e lavorati, di color avorio e dai bordi molto sfrangiati ed irregolari.

La carta di Amalfi

Partecipazioni al sud

Altra carta pregiata è quella della Scuderia del Duca, con sede nella meravigliosa Amalfi. Le sue peculiarità, oltre che all’utilizzo della preziosa carta d’Amalfi, sono le incisioni a secco e in oro i cartoncini con i capilettera, le acqueforti e la carta decorata a mano dove ogni foglio è diverso dall’altro. Presso il loro negozio (anche on line) è acquistabile solo la carta, e ti devi rivolgere, per la stampa, ad una buona tipografia.

Ti è piaciuto? Ti può servire? Pinnalo!

.

 


Share



Lascia un commento

Your e-mail will not be published. All required Fields are marked

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: