Le città più colorate d’Europa

La magia dei colori

I colori nutrono, stimolano, rallegrano. E’ divertente passeggiare tra i colori, tra le case variopinte di pittoresche città, gli occhi godono storditi dalle tonalità e la mente si rilassa. Spesso cerchiamo luoghi del genere per sfuggire alle tinte noiose delle nostre città, per rubare scatti vivaci per ravvivare le pagine social e i ricordi. Vicino a noi ce ne sono tantissime e provo a raccontarvi quali sono le città più colorate d’Europa che ho visto.

Burano Italia

Poteva mancare questa allegra cittadina tra le più colorate d’Europa? E’ qui a casa nostra, a pochi chilometri in linea d’acqua da Venezia. Antichi merletti e colori forti, il rumore dell’acqua e le barche che attraversano i canali, Burano rappresenta lo spirito romantico italiano: antico, allegro e scoppiettante. Il distacco tra un colore e l’altro è netto, non si usano tonalità simili per tradizione, poiché in passato si usavano questi forti contrasti per delimitare le proprietà. Gli scatti fotografici sono immediati e continui: ogni angolo è uno scorcio da immortalare.

Mentone Francia

E’ francese ma non sembra, Mentone è davvero diversa dalle vicine, l’austera Nizza e l’aristocratica Monaco: è una pennellata sbordata per un sussulto di orgoglio italiano. La matita colorata italiana non è rimasta nei bordi ed ha dipinto anche una parte di Costa Azzurra a ridosso del confine. Il paesino è arroccato sulla collina e profuma di limoni, prodotti dai molti alberi dei numerosi giardini che adornano il paesaggio.

Alesund Norvegia

Chi dice che al nord non c’è calore o colore? Alesund è una delle città più colorate d’Europa e si trova su un percorso tra i più suggestivi della Norvegia. La strada tra Alesund e Geiranger è infatti una delle strade panoramiche più emozionanti dei fiordi norvegesi. Il periodo migliore è ovviamente l’estate, per ammirare i colori con lo sfondo del cielo azzurro e per salutare le pulcinelle di mare. Una Venezia in miniatura, le facciate liberty colorate si stagliano dalla neve al cielo scaldando il ghiaccio. Il colpo d’occhio è incredibile: nessuna macchina fotografica rende onore a tanta meraviglia.

Sintra Portogallo

Avete presente quei disegni da colorare seguendo i numeri? Sintra sembra l’esempio reale in tre dimensioni. E’ irreale, fiabesco.  Il centro storico di Sintra è Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco ed è a pochi chilometri tra Lisbona. Sintra è sì una città colorata, ma soprattutto strana. All’interno ci sono più di dieci palazzi giudicati monumenti nazionali completamente diversi l’uno dall’altro: alcuni sono stravaganti, altri castelli in rovina e altre case decadenti.

Collonges La Rouge Francia

Vi piace il rosso? E rosso sia! Si tratta di un paesino medievale perfettamente conservato e costruito interamente con mattoni di arenaria rossa e i tetti di ardesia scura. Il colpo d’occhio con l’azzurro del cielo è impressionante. E’ uno di quei luoghi di cui ci si innamora subito, dove ti lanci per le stradine scattando fotografie in ogni angolo.

Sighişoara  Romania

Questa città rumena è piena zeppa di colori a perdita d’occhio, un altro bellissimo e coloratissimo borgo medievale, con colori diversi in ogni angolo. Il centro storico, la città vecchia, è patrimonio mondiale dell’Unesco ed è ben conservato. Questa città è nota soprattutto per essere la città natale del Principe della Valacchia Vlad, ispiratore del famoso romanzo di Bram Stoker, Dracula.

Copenaghen Danimarca

Qualche giorno a Copenaghen e capisci che colorate non sono solo le case, ma anche le persone, e insieme ti riempiono cuore e anima. Il cibo, l’amicizia della gente e il Tivoli esplodono come fuochi d’artificio rendendo questa fredda città nordica una delle più colorate d’Europa. La parte più colorata è Nyhavn, il vecchio porticciolo, ricamato di locali tipici. Vale la pena farci un giretto in barca tra i canali, per godersi i colori e la vita danese.

Tenby  Galles  Regno Unito

Chi dice che il mare inglese non ha colori, non ha mai visto albe e tramonti tra scogliere e spiagge. La natura aiuta questo mare oscuro ad apparire più seducente. E lo aiuta anche Tenby nel Galles, delizioso paesino di mare con case coloratissime e arroccate lungo una collina. Le stradine strette invitano all’esplorazione tra case vittoriane inserite nel borgo medievale senza arroganza. Qui i colori sono pacifici e si respira quiete e relax.

Juzcar Spagna

I nostalgici dei Puffi l’adoreranno: è stata colorata di blu in concomitanza con l’uscita del film dei Puffi e rimasta blu per volere degli abitanti, ormai affezionati al colore delle loro case e all’introito turistico provocato. Si trova a pochi chilometri da Malaga, e vale la pena farci un salto se si è in zona. Puffi e puffetti ovunque, azzurro su case e cose, Juzcar è un paesino un po’ “costruito” ma ottimo sfondo per foto…puffose.

Positano  Italia

Un brivido di orgoglio italiano percorre la schiena quando si parla di questa perla della Costa Amalfitana. Non c’è foto che tenga, non c’è luogo migliore dell’altro dalla collina fino al mare per fare foto incredibili.  E’ una cittadina in “verticale” da esplorare in ogni angolo, in ogni bottega artigianale e in ogni scorcio di mare. Non credo esista al mondo un’altra cittadina colorata di tale bellezza e originalità.

Colmar Francia

Colmar è una poesia, una favola raccontata da un attore francese. Il tempo torna indietro mentre scatti foto alle pittoresche case in legno piene di vasi di fiori. I colori vengono esaltati dalle luci, generate dagli innumerevoli proiettori che, di sera, colpiscono palazzi e case, generando un’atmosfera surreale. La chiamano la piccola Venezia, ma, secondo me, Colmar ha un’anima diversa, meno austera e più gioiosa.

 

Conoscete altre città colorate? Aspetto i vostri suggerimenti per caricare la macchina fotografica e partire…

Share

Comments

comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.