Cosa fare in Cappadocia, tra cavalli e mongolfiere

Un paese fatato

famoso per i suoi cavalli

La Cappadocia è una regione semi arida della Turchia famosa per i suoi paesaggi fiabeschi. Anche il suo nome porta indietro nel tempo, a quando l’intera regione era famosa per i suoi meravigliosi cavalli: Cappadocia, infatti, deriva da una parola persiana il cui significato era “terra dei bellissimi cavalli”. Il paesaggio è punteggiato dai famosi Camini delle Fate, alte piramidi di tufo modellate dal vento, con “cappelli” di roccia basaltica e armoniose colline rosate con case e chiese scavate all’interno. Una valle immensa e tufo a perdita d’occhio, formato da cenere vulcanica e depositato in Cappadocia milioni di anni fa. In passato la Cappadocia era famosa per i suoi cavalli, oggi lo è per il suo paesaggio lunare unico al mondo.

cappadocia panorama turchia

Come arrivare in Cappadocia

in auto o in aereo?

Raggiungere la Cappadocia è molto semplice: puoi arrivarci in aereo, da Istanbul a Kayseri in poco più di un’ora, oppure in auto, con circa 8 ore di viaggio, su una strada meravigliosa, o circa 4 ore da Ankara. La temperatura è gradevole anche in estate perché non supera i 25 gradi neppure nei mesi più caldi. Ciò favorisce le camminate tra le formazioni rocciose e le abitazioni rupestri e ti ispira ad organizzare molte altre attività assolutamente da fare in Cappadocia. Sono innumerevoli i luoghi da esplorare e servono buone guide e scarpe comode.

cappadocia panorama turchia

Cosa fare in Cappadocia?

Museo a Cielo Aperto di Göreme

Il Museo a Cielo Aperto di Göreme è uno dei siti storici più importanti e popolari della Cappadocia. Si trova vicino alla città di Göreme, a circa 15 minuti di cammino. Se lo visiti in autonomia, ti consiglio di utilizzare le audioguide, per meglio comprendere l’importanza di questo luogo e decifrare gli antichi dipinti nelle case rupestri e nelle chiese. Il percorso è molto lungo ma è un tuffo tra storie e usanze degli antichi abitanti della Cappadocia. È un luogo incredibile, patrimonio dell’Unesco e tappa irrinunciabile in un tour in Cappadocia.  

Cappadocia, museo a cielo aperto, Goreme, Turchia

Cosa fare in Cappadocia

La Red e Rose Valley

Queste meravigliose vallate si trovano appena fuori la città di Goreme, raggiungibili comodamente in auto, chiamate così per le formazioni rocciose rosa che le compongono. Sono il punto ideale per chi ama l’escursionismo e le lunghe camminate. Ci sono percorsi ben definiti, che partono da piste semplici nella Rose Valley per finire ai moderati livelli di difficoltà nella Red Valley. Ovviamente il momento migliore per una bella camminata sono la mattina presto o il tardo pomeriggio, per gustare i colori rosati dell’alba e del tramonto. Se non hai voglia di camminare, puoi arrivare direttamente al viewpoint della Red Valley e gustarti il caffè davanti ad un paesaggio unico al mondo.

Cosa fare in Cappadocia

Un giro in mongolfiera

Il momento più emozionante di un viaggio in Cappadocia è il giro in mongolfiera. Sollevarsi da terra, sospesi in aria solo per la forza fisica dell’aria calda, nel silenzio dell’alba, tra altre centinaia di palloni colorati, è un’esperienza incredibile. Dondolando appeso al pallone, sorvoli valli e formazioni rocciose incredibili e il silenzio ti aiuta ad assaporare meglio l’emozione dell’altezza. Il volo in mongolfiera più bello del mondo! Il volo dura circa un’ora, con la partenza intorno alle 4 del mattino: una levataccia, ma al termine ti aspetta una dolcissima colazione servita sul posto.

Cosa fare in Cappadocia

Parco Nazionale di Göreme

Il Parco Nazionale è costituito da valli con le formazioni rocciose a forma conica modellate nel corso dei secoli da pietra vulcanica erosa e conosciute come Camini delle Fate. Nelle colline di tufo sono state scavate le abitazioni rupestri, che venivano utilizzate dalla popolazione per nascondersi dalle battaglie in corso. I vicini villaggi di Urgup, Avcilar, Uchisar, Cavusini e Yeni Zalve testimoniano ancora usanze, tradizioni e pratiche agricole del passato di Goreme. Se sei un appassionato di trekking, puoi percorrere a piedi i numerosi sentieri segnalati per raggiungere i punti più panoramici e interessanti del parco.

Parco Nazionale di Goreme, Cappadocia, Turchia

Cosa fare in Cappadocia

monumenti ottomani a Kayseri

La città di Kayseri è la porta della Cappadocia. I turisti si fermano poco in questa città, ansiosi di scoprire gli angoli più famosi dei dintorni. In realtà vale la pena fare due passi anche a Kayseri. In città c’è un itinerario segnalato sul terreno con alcune frecce, in modo da potersi godere ogni angolo e le più di duecento moschee.

Cosa fare in Cappadocia

la Valle di Ihlara

La Valle di Ihlara è un luogo fantastico per chi ama camminare. Troverai un canyon profondo circa 100 metri e lungo 10 chilometri, creato da attività vulcaniche e scavato dal fiume Melendiz, che scorre sul fondo, centinaia di migliaia di anni fa. È un’area di insediamento rupestre, con più di 4mila abitazioni lungo la gola. Troverai circa 15 chilometri di sentiero escursionistico bel delimitato e segnalato e, camminando, potrai vedere chiese, dimore e panorami mozzafiato.

Cosa fare in Cappadocia

a cavallo o in cammello

Prenotando con anticipo, potrai goderti una lunga passeggiata a cavallo, magari al tramonto o all’alba. Ma puoi scegliere anche di farlo in cammello, per provare una nuova emozione. Di solito si percorrono le formazioni rocciose delle Rose e Red Valley o nella valle di Meskendir, tra i Camini delle fate. Una passeggiata con il quadrupede preferito ha un grande fascino, oltre che ad essere molto rilassante: è un modo diverso per godersi una regione storica e leggendaria.

Cosa fare in Cappadocia

un giro nelle città sotterranee

In Cappadocia potrai trovare 36 straordinarie città sotterranee come quelle di Derinkuyu e Kaymakli. Entrambe furono costruite tra il 2000 e il 1200 a.C. dagli Ittiti, per proteggersi dagli attacchi degli Assiri. Nel corso degli anni furono utilizzati sempre come rifugio durante guerre e persecuzioni come quella dei cristiani nel primo secolo d.C.. Kaymakli è la città più piccola, costruita per ospitare circa 6000 persone con gli animali. Si tratta di un labirinto con un centinaio di stanze raggiungibili con passaggi strettissimi, poco adatti a chi soffre di claustrofobia. Nonostante la profondità i cunicoli sono forniti di sistemi di ventilazione e piccoli pozzi per avere acqua sempre disponibile. Derinkuyu è molto più grande e poteva ospitare fino a 20.000 persone. Qui i passaggi sono più ampi e la sensazione di claustrofobia è decisamente meno sentita.

Cosa fare in Cappadocia

Assaggia il cibo tipico

Ti consiglio di assaggiare i piatti tipici di questa zona, come il Pottery Kebab, composto da carne e verdure stufate, cucinate in una pentola di terracotta direttamente sulla brace e servito con riso e pane. Puoi assaggiare i Manti, ravioli ripieni di carne serviti con salsa di yogurt alle erbe. Oppure puoi scegliere i Kibbek o Içli Köfte, piccoli panzerotti ripieni di carne macinata e spezie e fritti. Assaggiare il cibo tipico è fondamentale per capire e apprezzare le tradizioni e la cultura della Cappadocia. E poi è buonissimo.

Cosa fare in Cappadocia

Finalmente un caffè!

Facciamoci un caffè turco, perché fa parte della tradizione. Il caffè turco si beve con molta calma, aspettando che la polvere del caffè sedimenti sul fondo: acqua e caffè vengono fatti bollire insieme in una grossa pentola chiamata cezve. Se preferisci, puoi bere un tè nero, anzi, il tè ti verrà offerto di continuo dai negozianti e ristoratori e non accettare è scortese.

Ti è piaciuto? Ti può servire? Pinnalo!

Share



Lascia un commento

Your e-mail will not be published. All required Fields are marked

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: