Safari a piedi in Tanzania – paura primordiale

Contatto diretto con la natura

grande, enorme emozione

Non c’è emozione più grande di quella che si prova facendo un safari a piedi in Tanzania. Non c’è via di scampo, non c’è protezione. Attraversi a piedi praterie interminabili, con la possibilità di trovarti a faccia a faccia con un leone, un bufalo o un elefante. Calpesti la sabbia, cammini tra alberi e rovi, ti inebri di nuovi odori e ti senti inerme davanti alla potenza di quel territorio immenso e pericoloso. Puoi però anche addentrarti nella foresta originaria, scalare le vette di vulcani estinti: i safari a piedi in Tanzania hanno moltissime possibilità.

Grandi camminate

nei parchi della Tanzania

Tutti i parchi nazionali della Tanzania, sensibili alle oscillazioni dei gusti turistici occidentali, ampliano continuamente l’offerta dei  “walking safari”, fino a qualche anno fa proibita all’interno dei parchi, ora richiestissimi. Camminare a piedi nella natura consente un approccio più autentico nell’ambiente ed è molto più emozionante.

 

Nella savana o sulle montagne

ma mai da soli

Ad accompagnare i turisti ci saranno sempre i ranger del parco, armati di fucile e pronti ad intervenire in caso di pericolo. A muovere l’interesse dei trekkers è anche il desiderio di scoprire aree ancora inesplorate dalle compagnie di safari internazionali. Il Parco Nazionale di Arusha organizza numerose escursioni a piedi: una scalata di tre giorni alla vetta del monte Meru, riservato a chi ama l’escursionismo di montagna oppure una visita in giornata al cratere del Ngorongoro. Gli incontri con le giraffe e i bufali sono assicurati ma non è raro incontrare gli elefanti.

Solitudine e baobab

nel Tarangire

Dai vari punti di osservazione disseminati lungo i percorsi, puoi ammirare la ricchezza e la diversità dell’ambiente dalle savane ai laghi salmastri, dalla foresta primaria alle cime innevate del Kilimangiaro poco distante. Se ami la solitudine e i panorami mozzafiato camminerai felice tra le ampie distese di baobab e acacie del Parco Nazionale del Tarangire.

Tantissimi animali

sei parte della natura

Durante i safari a piedi, puoi osservare, sotto cieli specchiati, una tra le maggiori concentrazioni di fauna selvatica della Tanzania, seconda solo al sistema naturale del Serengeti: bufali, leoni, leopardi, elefanti, zebre, gnu e una ricchissima popolazione di uccelli. E mentre le tue suole alzano la polvere della savana, ti rendi conto come mai che anche tu fai parte del grande cerchio della vita.

 

Share



52 Comments

Un safari è il sogno di Mattia!!!Adora fotografare gli animali. Non sapevo si potessero fare anche a piedi, questa sera gli faccio leggere questo tuo post.

Reply

I safari sono meravigliosi. Ti avvicini alla natura senza disturbarla e la osservi con rispetto. I safari a piedi sono emozionanti, ma ti consiglio di provare anche quelli tradizionali.

Reply

Questa deve essere davvero un esperienza straordinaria. Mia figlia ad esempio morirebbe di gioia. Vedere e vivere le abitudini degli animali selvaggi così da vicino sarebbe per lei un vero momento di estasi. Ci dobbiamo fare un pensierino…

Reply

Abbiamo portato in Africa mia figlia per la prima volta a 12 anni, per tutti i problemi di profilassi e vaccinazioni che comporta. E’ impazzita dalla gioia.

Reply

L’emozione di trovarsi a piedi nella savana è grandissima: noi nel 2012 abbiamo fatto un breve safari notturno a piedi… pazzesco! Ti sentivi scrutato da decine di occhi, le orecchie tese a sentire il minimo rumore… che emozione!

Reply

Il silenzio è la cosa peggiore: ogni piccolo rumore è un colpo al cuore!

Reply

Sono stata nel parco del Kruger la scorsa estate ed è stata una delle esperienze più belle della mia vita! Ammetto che a piedi avrei un pò paura di intralciare la quotidianità e l’habitat di questi animali. Però sicuramente è un’esperienza incredibile piena di adrenalina!!

Reply

Non so se al Kruger sia possibile, ma in molti parchi del Sudafrica ci sono percorsi a piedi. Le guide conoscono i percorsi più adatti per non correre rischi e credo che si intralci la quotidianità degli animali anche girando il jeep. A piedi o in macchina, l’importante è andare.

Reply

Ti stimo tantissimo perchè durante il mio safari in Sudafrica non ho avuto il coraggio di farlo a piedi. Già era molto adrenalinica la jeep scoperta per i miei gusti!

Reply

Non è stato poi così terribile. Le guide sono competenti e, secondo me, sanno dove portarti per non farti correre rischi.

Reply

Complimenti per il coraggio! Un safari a piedi è l’deale per esplorare la natura e conoscere la sua bellezza. Lo trovo rispettoso dell’ambiente e dei suoi ambitanti, al contrario dei safari in jeep. E come budget intorno quali cifre si aggira?

Reply

Di solito sono organizzati dai campi in cui pernotti. Il costo principale è quello. Io ho organizzato tutto sul posto, ad Arusha. Ho girato con una guida e anche questo rientra nei costi principali. Credo di aver speso circa 500 euro (per tre persone) per un safari a piedi di una mattinata. La Tanzania, come tutta l’Africa è abbastanza costosa.

Reply

Io non ho mai fatto safari nemmeno in jeep, ma sicuramente ci sarà occasione prima o poi! Però questa sì che dev’essere un’emozione unica!

Reply

Un safari è da provare, una volta nella vita. Non posso descrivertelo: sono sensazioni così forti e difficili da comunicare. Mi saprai dire!

Reply

sono anni che sogno di andare in Tanzania e alla fine finisco sempre in Sudamerica! Il tuo racconto mi ha fatto entrare una gran voglia di Africa, spero di riuscire ad andarci nel 2021.
Gran bel racconto, complimenti! 🙂

Reply

Se ci vai non smetti più, come le caramelle gommose!

Reply

Che esperienza indimenticabile!!!! Deve essere stato incredibile e spaventosissimo

Reply

La paura è l’ingrediente base. Ansia ma non troppo: sei con i ranger e loro sanno come evitare i pericoli.

Reply

Penso che un viaggio in Africa non sia completo senza un fantastico safari a piedi! Sei a proprio a contatto con la natura nuda e cruda e ti rendi conto di come la vita riesca a vincere anche in condizioni estreme, dove la lotta per la sopravvivenza è al cardiopalma!

Reply

La paura c’è ma l’esperienza è meravigliosa.

Reply

Che bella esperienza! Io ho fatto safari solo in auto o mini bus, a piedi deve essere ancora più spettacolare… e un po’ di paura non mi mancherebbe!

Reply

La paura è un ingrediente che rende il safari molto più piccante.

Reply

Un’esperienza che sicuramente è molto affascinante! Non vedo l’ora di poterla vivere in prima persona 🙂 Anche se il tipo con il fucile porta un po’ di ansia 😀

Reply

L’ansia e la paura sono ingredienti principali. Soprattutto se quello con il fucile si ferma e comincia a guardarsi intorno in silenzio…

Reply

Ho fatto solo un safari in jeep in Kenya ed è stato emozionante. Immagino che a piedi lo sia ancora di più. E poi credo sia più rilassante, pur nella fatica, camminare anziché sobbalzare dentro alla jeep!

Reply

Io sono innamorata del Kenya. Il Masai Mara è uno dei miei luoghi preferiti. In jeep ti senti tranquillo e protetto a piedi un po’ meno, e poi cammini 3 ore di fila.

Reply

Wow! Del Safari a piedi non ne avevo mai sentito parlare. Ma è stupendo! Un’emozione unica, diverso davvero dal Safari in auto

Reply

Emozionante davvero. Non lo fanno ovunque, ma solo dove può essere garantita un minimo di sicurezza.

Reply

Un safari a piedi è proprio per veri tosti 😀 Complimenti per il coraggio! Non oso immaginare che emozione fortissima trovarsi a pochi passi da un animale selvatico…

Reply

Sei accompagnato da ranger armati, ma un pò di paura c’è.

Reply

Credo che un safari in Tanzania (ma anche in altri paesi) sia proprio una di quelle esperienze da fare una volta nella vita (almeno). A me purtroppo manca, ma vorrei tanto farla fare a mio figlio!

Reply

Mia figlia in Africa ha imparato tantissime cose, dal rispetto per la natura e la sua fragilità all’essere grata per quello che ha. L’Africa insegna.

Reply

Deve essere stata un’esperienza pazzesca! Avrei avuto “paura” dico la verità, ma avrei provato questa esperienza che secondo me andrebbe fatta almeno una volta nella vita…sicuramente farei di tutto per non finire ultima della fila ahahah sono una fifona

Reply

La paura è la parte più stimolante. Onestamente ho avuto più paura in jeep durante una scena di caccia.

Reply

Il safari già è un’emozione grandissima, a me è sempre piaciuto tantissimo, poi a piedi adrenalina pura! Certo un pò di ansia però ci sta tutta. Io ho fatto qualche pezzo a piedi in una riserva privata in Sudafrica ma non può definirsi però un vero e proprio safari a piedi

Reply

La paura però stimola. In un certo senso l’essere indifeso ti carica di adrenalina. Il safari a piedi dura di solito mezza giornata: ti fermi nelle ore più calde.

Reply

Ho fatto la tua stessa esperienza in Botswana nel Delta dellOokavango; devo dire che mi è piaciuta molto… ma in certi momenti non mi sentivo troppo sicura! Però lo rifarei subito!

Reply

Ti capisco! Mi è capitato di essere l’ultima della fila per qualche minuto e mi è salita l’ansia!

Reply

Che esperienza mozzafiato!
Se la farei? Assolutamente sì! Il safari in Africa è uno dei miei sogni più grandi

Reply

Il safari non ha paragoni. L’emozione è immensa.

Reply

Uno dei miei viaggi da sogno che prima o poi vorrei realizzare è proprio quello che prevede un safari e i due luoghi che mi fanno illuminare gli occhi sono proprio la Tanzania o il Sudafrica. Non conoscevo il safari a piedi e devo dire che sembra davvero emozionante

Reply

L’Africa è emozionante. A piedi, in macchina o con i piccoli aerei. L’Africa emoziona sempre.

Reply

Da un lato penso: wow, che cosa pazzesca poter camminare in mezzo agli animali – ma dall’altro ammetto che mi farei un po’ prendere dalla paura di finire addentata da un leone! Però sicuramente i ranger sanno farti sentire al sicuro e poi la bellezza della natura riesce sicuramente a far dimenticare tutte le paure!

Reply

E’ una bella esperienza, ma se sei l’ultimo della fila non ti senti poi così al sicuro!

Reply

Wow, mi sono venuti i brividi soltanto a leggere questo articolo! Che esperienze incredibili, sono quelle che davvero ti restano impresse nella mente!

Reply

Si, è molto bella, ma che ansia! Ogni rumore è un sussulto!

Reply

Dev’essere un’esperienza davvero affascinante e, se organizzata in maniera responsabile, anche molto autentica! È stato molto faticoso?

Reply

No, non è assolutamente faticoso. I percorsi sono brevi e durano al massimo un paio d’ore. Cammini lentamente e ti fermi spesso. Mia figlia aveva 11 anni e non ha avuto problemi.

Reply

Che esperienza incredibile, grazie per aver dato spazio anche a questo aspetto del Safari che spesso viene ignorato. Camminare nella savana da il reale senso della vita e insegna il silenzio ed il rispetto. Fantastico!

Reply

Il silenzio è terrificante se sei a piedi. Ogni piccolo rumore è un colpo al cuore. E’ bellissimo, ma che ansia!

Reply

Il mio safari in Tanzania di alcuni anni fa era solo con la jeep. Mi sono emozionata tantissimo e credo che a piedi si ancor più bello anche se sinceramente credo che avrei un pò paura. Mi ricordo ancora la sensazione di precarietà quando facevamo le soste per mangiare al Ngorongoro..la tua è stata una bellissima esperienza

Reply

A piedi è abbastanza ansiogeno. Soprattutto quando la guida ti impone la direzione per evitare di essere controvento per non attirare gli animali. Che paura!

Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: