Island hopping in Croazia: le isole della Dalmazia

Una striscia nel sud della Croazia

tra insenature e golfi

La Dalmazia è una striscia di costa nel sud della Croazia: parte da Zara e arriva a Dubrovnik in un susseguirsi di canali stretti, insenature, promontori, golfi ma, soprattutto, piccoli porti, costruiti in posizioni strategiche e protetti dai forti venti. Da questa moltitudine di porticcioli è facile trovare barche a noleggio per un giorno o per tutta la vacanza, per poter esplorare, con un punto di vista diverso, le coste croate e soprattutto godersi un meraviglioso island hopping tra le isole della Dalmazia.

immagine da Wikimedia

Come arrivare in Dalmazia

sempre dritto verso est!

Raggiungere la Dalmazia dall’Italia è facile: dai nostri porti sull’Adriatico, Ancona, Pesaro o Bari, salpano giornalmente traghetti che raggiungono Spalato o Dubrovnik in una sola notte. In mare, il confine è una linea impalpabile come solo può esserlo un segno tracciato nell’acqua. Un altro confine immaginario è quello tra la notte e il giorno, che, in viaggio, si supera in un momento. L’approdo è incredibile: se guardi a prua, verso oriente, vedi l’alba. Se guardi indietro, le stelle si stanno ancora spegnendo e ti sembra di essere in bilico tra due dimensioni. E quando il mare nero comincia a schiarirsi, una sfilata di isole e isolette annunciano la costa opposta dell’Adriatico. La prima terra che vedi è proprio quella delle isole della Dalmazia.

Prima isola della Dalmazia

L’isola di Vis

Un tempo le isole della Dalmazia erano piccoli pezzetti della Repubblica di Venezia, poi avamposti slavi. Poi dimenticati, da entrambe le civiltà. La prima isola che incontri arrivando dall’Italia è Vis, che spicca sull’orizzonte per il Monte Hum, che forma una grossa gobba sull’isola, che i veneziani chiamavano Lissa. Vis ha villaggi incantevoli, come Vitali, che profuma di lavanda e rosmarino, Komiza, un antico borgo di pescatori. E poi il capoluogo, Vis città, che ha un bellissimo centro, Kut e un porto turistico, Luka, formato da un cerchio di palazzi nobili bianchi, costruiti intorno a una baia tranquilla.

Una lunga storia

tante storie

Qui arrivarono per primi gli Illiri, poi diventò una colonia greca. Poi arrivarono i romani e lasciarono delle terme piene di mosaici che ancora oggi si scoloriscono al sole. Poi arrivarono i veneziani e lasciarono antiche e nobili dimore, come Palazzo Garibaldi e Palazzo De Lupis. Nel centro trovi anche una base militare della marina federale jugoslava, costruita dal Maresciallo Tito, quando il turismo ancora era proibito in questa zona, fino al 1989, quando l’apertura al mondo richiamò turisti e fece sorgere hotel e case vacanze in tutte le isole della Dalmazia.

Arriviamo a Hvar

antica Lesina

Con la prua ad oriente si arriva a Hvar, su una rotta utilizzata dai mercanti veneziani che qui fecero il bello e il cattivo tempo. Per i veneziani Hvar era Lesina. Hvar ha un centro storico circondato da antichi palazzi e una bellissima cattedrale, quella di Santo Stefano. Ma per la gente di Hvar è semplicemente Pjaca, si pronuncia piaza e significa piazza. Qui i linguisti si divertono un sacco: si dice kapisc  per capisci, adio  per ciao, con tutti i suoni che ricordano il dialetto veneziano.

Meraviglioso interno di Hvar

isola da esplorare

Se lasci Hvar  città,  puoi proseguire nell’interno, sulla strada che sale alta lungo la costa, in mezzo alla macchia mediterranea e campi coltivati delimitati da sassi, dove, in estate, fiorisce la lavanda. E poi ancora mirti, agavi, allori, pini d’Aleppo, fino a Stari Grad,  la città vecchia della Costa nord. Quando ne posero le fondamenta nel 384 a.C., i greci la chiamarono Pharos.  Al centro di Stari Grad c’è la piazza Tvrdalj, dove, tra le palme, c’è il cinquecentesco palazzo Petar Hektorovic,  poeta multilingue di una terra multilingue: sui muri del castello ha lasciato diversi motti e proverbi, ora in croato ora in latino. Le isole della Dalmazia ti riservano un sacco di sorprese!

L’isola più grande

si approda a Brac

Da Hvar, in mezz’ora di battello si arriva a Bol, sulla costa meridionale dell‘isola di Brac, un piccolo borgo sovrastato da un’alta montagna la Vidova Gora. Brac è, per estensione la terza isola del mediterraneo ed è una terra di pinete e villaggi di pietra.  I blocchi di pietra candida con cui è eretto il palazzo di Diocleziano a Spalato arrivano da qui. A Brac non puoi annoiarti: il mare è trasparente e invitante, il trekking sulla Vidova Gora è spettacolare. Nell’isola ci sono moltissimi villaggi e antichi monumenti da vedere.

La navigazione finisce

si arriva alla terraferma

E navigando sempre verso est, facendo island hopping tra le isole della Dalmazia, si arriva alla capitale dell’Adriatico, Spalato. Il palazzo di Gaio Valerio Aurelio Diocleziano, ne è la sintesi visiva. La dimora dell’ imperatore è stata assorbita dal tessuto urbano, tanto che si fatica a riconoscerne la struttura. Nei secoli le mura e parte delle sale sono diventate case, palazzi nobiliari, e persino chiese. Se l’esterno è confuso, l’interno è un libro di storia dell’arte impazzito. Il tutto davanti al mare che si allarga all’infinito: è un invito delle isole della Dalmazia a cimentarsi in altri viaggi.

Ti è piaciuto? Ti può servire? Pinnalo!




28 Comments

Proprio lo scorso anno avevamo pensati di raggiungere questi territori on the road e avevamo preso in considerazione di tagliare qualche chilometro prendendo il traghetto. Purtroppo poi la Pasqua l’abbiamo passata in giardino, in lockdown!

Reply

Il lockdown ha congelato molti viaggi: io stessa ho nel cassetto il mio viaggio in Colombia rimandato. La Dalmazia è qui dietro l’angolo. Ci saranno altre occasioni!

Reply

Grazie, è un po’ che vorrei andare da quelle parti 🙂

Reply

Vedrai che meraviglia!

Reply

L’idea di un island hopping in Dalmazia mi affascina tantissimo. Non solo per i paesaggi incantevoli e l’aspetto culturale, ma anche perché mi piacerebbe sentir parlare gli abitanti di Hvar.

Reply

Basta un gommone e qualche giorno di tempo! I costi sono davvero minimi!

Reply

Conosco l’isola di Brac perché ci sono stata in vacanza un’estate di qualche anno fa e ne ho un bellissimo ricordo. Eravamo arrivati in aereo a Spalato e da qui abbiamo preso un traghetto, e per una settimana ci siamo sentiti in paradiso. Mare bellissimo, ottimo cibo e alberghi di ottimo livello. Le altre isole purtroppo mi mancano all’appello!

Reply

Da Brac si possono noleggiare barche o gommoni per visitare altre isole. È una zona un po’ selvaggia, ma ci si sta davvero bene!

Reply

L’anno prossimo penso che andrò in Croazia a godermi sia il mare che le sue bellezze naturali: vorrei sfruttare le prime ore del dì per trekking ed escursioni e godermi il tramonto con un bel tuffo al mare. Mi salvo il tuo articolo così mi organizzerò seguendo le tue indicazioni!

Reply

La Croazia offre davvero tutto quello che cerchi. Un luogo semplice, ma pieno di sorprese.

Reply

Mi sono ripromessa di fare un giro del genere in Croazia. Ci abbiamo provato qualche anno fa, con soste sulla terraferma e su un paio di isole, ma siamo stati colti dalla salmonella a pochi giorni dall’inizio della vacanza. A pensarci ancora mi sento male…. La Croazia comunque merita un’altra chance.

Reply

Sicuro. Vai e fai la pace!

Reply

Bellissimo questo viaggio tra le isole della Dalmazia! Non ho ancora visitato questa zona, mi piacerebbe proprio arrivarci via mare con un traghetto dalla nostra costa dell’Adriatico! 🙂

Reply

Se riesci a noleggiare un gommone e girare tra le isole sarà una vacanza meravigliosa!

Reply

Una zona che non ho mai visitato ma che mi ha sempre ispirato, mi farebbe piacere ad esempio girare alcune isole in barca mi sembrano ancora non troppo sfruttate e ricche comunque di storia e natura

Reply

La barca è senza dubbio il mezzo migliore per visitare questo pezzo di Adriatico. Un vero spettacolo!

Reply

Sai le due cose che mi hanno più colpito?
La bellezza dei paesini, con quelle chiese quasi isolate, e il colore dell’acqua, così cristallina!
Dico sempre che devo tornare in Croazia (ho visto solo Dubrovnik e di fretta), dovrei effettivamente farlo!

Reply

Dubrovnik è carina, ma le isole hanno un fascino incredibile, brullo e selvaggio. E il mare e uno spettacolo!

Reply

Le isole della Dalmazia sono davvero meravigliose!
Avendo la fortuna di vivere molto vicino al confine sloveno e quindi croato, sono stata numerose volte da quelle parti, ma le isole da vedere sono tantissime, credo non finirò mai di esplorarle! E sicuramente con la barca è il modo migliore per conoscerle. Arrivare via mare è sempre un’emozione unica!

Reply

Ho avuto la fortuna di avere a disposizione per diversi giorni un gommone, con il quale sono andata ad esplorare molte isole e isolette. Una meraviglia!

Reply

Bellissimo! Grazie

Reply

Grazie a te per essere passata!

Reply

Sono andata diverse volte in Croazia, ma non ho mai avuto l’occasione di scendere fino alla Dalmazia, e in effetti ne ho sempre sentito parlare molto bene, a partire dai colori del mare e la sua natura circostante. Hvar sicuramente mi attira parecchio.

Reply

Hvar è bellissima. Vale la pena arrivare un po’ più in basso!

Reply

Che meraviglia queste isole. Sono stata solo una volta in Croazia e in quell’occasione ero stata alle isole Brioni, che ho trovato bellissime.

Reply

La Croazia è molto bella. Se hai la possibilità di visitare tutte le isole, magari in barca, è uno spettacolo!

Reply

Island hopping in Croazia looks like a fantastic experience, so beautiful!

Reply

Amazing experience!

Reply
Lascia un commento

Your e-mail will not be published. All required Fields are marked

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: